5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Pizzaioli si diventa (grazie alla Provincia di Venezia): 18 giovani ‘diplomati’ nell’arte della pizza

HomeNotizie Venezia e MestrePizzaioli si diventa (grazie alla Provincia di Venezia): 18 giovani 'diplomati' nell'arte della pizza
la notizia dopo la pubblicità

pizzaioli diplomati con i corsi della provincia di venezia zaccariotto

Diciotto giovani tra i 21 e i 24 anni hanno concluso nei giorni scorsi il secondo corso per pizzaiolo completamente gratuito promosso dalla Provincia di Venezia nel Centro professionale provinciale di Chioggia, unica esperienza a livello nazionale.

I giovani hanno svolto 180 ore di formazione e 120 di stage che comprendeva pizzeria, cenni di cucina, cottura della pasta, preparazione piccoli pasti, bar e bevande, prodotti da forno e pasticceria, igiene e sicurezza, cenni di lingua straniera e di contabilità. Ben dodici di loro hanno già trovato un lavoro o hanno accordi per lavorare nella prossima stagione estiva. Al primo corso hanno invece partecipato altrettanti allievi disoccupati tra i 18 e i 21 anni.

L’assessore alla formazione della Provincia di Venezia Paolino D’Anna ha così commentato: «I corsi organizzati dalla nostra Provincia, su iniziativa della Giunta Zaccariotto, sono strutturati in modo da insegnare non solo a fare la pizza ma anche a rendersi utili nelle varie mansioni previste in un locale come appunto l’aiuto cuoco o il servizio al bar. Inoltre viene loro insegnato come abbinare vini e birre alle pizze. Ci risulta che questo sia l’unico corso gratuito in Italia promosso da un ente pubblico, che viene garantito con continuità e non a spot. Di sicuro ci sono molti corsi a pagamento, di solito tra le 20 e le 40 ore di frequenza e con un costo tra gli 800 e i 2.000 euro. Purtroppo non siamo in grado di soddisfare tutte le richieste che arrivano oltre che da Chioggia, anche da Jesolo e da fuori provincia. Molti sono stranieri, e si presentano alla nostra scuola anche in 6 – 7 insieme, per questo abbiamo previsto il vincolo oltre della disoccupazione, della residenza in Italia da almeno cinque anni, e la conoscenza della lingua italiana. Siamo comunque molto soddisfatti dei risultati perché è una risposta concreta alla crisi occupazionale».

Il centro di formazione professionale di Chioggia, dedicato principalmente al settore alberghiero e ristorazione, continua le proprie attività: oggi e domani partecipa con cinque allievi e tre insegnanti a Piazzola sul Brenta al Festival regionale della ristorazione. Un altro gruppo di studenti martedì 15 parteciperà come ospite tra il pubblico alla trasmissione Rai “La prova del cuoco” con Antonella Clerici. Gli allievi ospitati al Cfp di Chioggia sono 250. Quest’anno hanno frequentato stage esterni 122 allievi, tra giovani e adulti. Ogni anno la Provincia spende in questa scuola in nuove attrezzature mediamente 30 mila euro.

Redazione

[11/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...