22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Pil ancora negativo, l’Italia non si rialza

HomeEconomiaPil ancora negativo, l'Italia non si rialza

debiti conti

Il Pil dell’Italia preoccupa ancora, la crescita non c’è e la recessione torna a fare paura. I numeri oscillavano, stando alle previsioni, tra il poco positivo e il poco negativo, invece è un uscito un decisamente negativo.

Il Prodotto interno lordo nel secondo trimestre 2014 è sceso ancora dello 0,2% rispetto al primo trimestre, quando aveva fatto registrare un altro dato negativo, il meno 0,1%.
Peggiore la diminuzione su base annua: meno 0,3%.
Questi sono i dati impietosi dell’Istat.

Insistenti le voci che parlano di una manovra a settembre, mentre Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia, ribadisce: «Dietro l’angolo non c’è nessuna manovra».
Il calo del Pil, spiegano all’Istat, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attività economica: agricoltura, industria e servizi.

Duro il commento di Beppe Grillo : «Altro che crescita e ripresa. L’Italia è in piena recessione. Il vero gufo è Renzi». Ancora più dura Giorgia Meloni (Fdi-An) che su Facebook non usa mezze misure:«Renzi la smetta di dire boiate: l’Italia è in ginocchio e milioni di italiani non riescono ad arrivare a fine mese».
Raffaele Bonanni (Cisl) constata: «Gli 80 euro non sono stati sufficienti a incrementare i consumi: serve un taglio vigoroso delle tasse».

Redazione

[07/08/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.