COMMENTA QUESTO FATTO
 

carabinieri verona via legnago

Violenta rissa tra giovani a Verona. I carabinieri hanno arrestato con l’accusa di lesioni personali aggravate due ragazzi di 23 e 22 anni, nonché una ragazza di 19 anni, tutti residenti nella provincia scaligera, accusati di aver picchiato selvaggiamente un 23enne, facendolo finire in ospedale ove si trova tuttora ricoverato per un trauma facciale con sospetta frattura delle ossa nasali e importanti tumefazioni con ecchimosi dei tessuti molli orbitali, nonché per una ferita lacero contusa alla palpebra superiore destra e contusioni multiple al dorso e agli arti.

I tre, che accusano l’aggredito di aver derubato la madre della 19enne di una borsa e di una penna, già quindici giorni fa avevano picchiato il ragazzo procurandogli varie contusioni al volto.

Questa volta il giovane è riuscito ad allertare il 112 che ha subito inviato sul posto, in via Legnago, una pattuglia radiomobile della Compagnia di Verona.

I militari dell’Arma, dopo aver bloccato i tre, prestato i primi soccorsi al ferito e allertato il 118, hanno condotto gli aggressori in caserma.
Arrestati con la pesante accusa di concorso in lesioni personali aggravate e continuate, sono stati condotti davanti al giudice monocratico del Tribunale di Verona che ne ha disposto l’accompagnamento, della ragazza e del 22enne presso le loro abitazioni, in regime di arresti domiciliari.

Per il terzo, di origini indiane, con precedenti per rapina e lesione personale, il giudice ha disposto la custodia cautelare presso la casa circondariale di Montorio.
I tre si dovranno presentare per l’udienza del giudizio direttissimo davanti al Tribunale di Verona il prossimo 17 ottobre.

Redazione

[03/10/2013]

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here