Perchè il Comune limita le barche private a Venezia? Cittadini insorgono: ricorso contro Ztl

ultimo aggiornamento: 20/01/2014 ore 19:08

261

barca toppetta rio venezia

Alle categorie, ma anche ai veneziani non vanno giù i limiti imposti dal Comune sulle barche private.

L’ottavo punto dei 27 stilati dalla giunta Orsoni per regolamentare il traffico acqueo in Canal Grande è quello sotto accusa in quanto, secondo le categorie in questione, ha penalizzato maggiormente diportisti e privati.

L’ordinanza, infatti, dice che i succitati mezzi non posso passare, tra le 8 e le 12 dal lunedì al venerdì, tra gli sbocchi dei rii del Fontego dei tedeschi e di San Salvador in zona Rialto e tra Rio Novo e Santa Chiara e canale di Cannaregio tra Piazzale Roma e la stazione.

Anche ai residenti, come detto, l’introduzione della ztl non va giù, rendendo più difficile anche l’uso dei loro barchini. Si sono così riuniti per presentare ricorso: non ci sarebbero dati, spiegano, che dimostrano che il traffico privato può causare qualche pericolo.

«Per i canali interni, tra chiusure, sensi unici e “rii blu”, uno diventa matto – dichiara uno degli avvocati rappresentanti, Sebastiano Tonon – l’alternativa non può essere certo quella delle Fondamenta Nuove o addirittura del Canale della Giudecca, tra ferry-boat e grandi navi».

Sara Prian

[20/01/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here