Padova e il Veneto, scuole di eccellenza: studenti universitari e liceali premiati, sono già nel futuro

ultimo aggiornamento: 21/01/2014 ore 06:30

119

zero robotics concorso esa

Il Veneto e in special modo Padova in questi giorni sta collezionando successi. Otto studenti di Ingegneria dell’ateneo padovano hanno ideato Polaris, un “condizionatore” per i veicoli spaziali, selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), alcuni studenti del liceo Fermi hanno inoltre battuto l’America in una sfida di robotica spaziale.

Sette laureandi e un dottorando hanno ideato Polaris appunto, un dispositivo per il controllo termico attivo dei veicoli spaziali.

Tra cento proposte inviate da tutta Europa per il bando Rexus/Bexus, ideato dall’Esa in collaborazione con l’Ente Spaziale Tedesco (Dlr) e l’Ente Spaziale Svedese (Snsb), è stato preso in considerazione anche l’esperimento degli studenti veneti, che servirà per far sì che con il “condizionatore” la temperatura all’interno di una sonda o di una navicella, resti costante.

Zero Robotics è invece la gara di robotica alla quale hanno preso parte alcuni studenti del liceo Fermi. Promossa dalla Nasa, assieme al Mit di Boston e all’Esa, la sfida si è rivelata vittoriosa per i ragazzi veneti, che in collegamento con il Mit e la sede dell’Agenzia spaziale europea di Amsterdam, avevano inviato dei modelli per gestire delle sfere orbitanti, minisatelliti-robot i quali riescono a svolgere alcune funzioni in meno di tre minuti.

Alice Bianco

[21/01/2014]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here