29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Orsoni: “Sono stato usato, mi pareva di essere la Madonna pellegrina”

HomeNotizie Venezia e MestreOrsoni: "Sono stato usato, mi pareva di essere la Madonna pellegrina"

orsoni tra la gente

Orsoni spiega ai giudici: «In tutto questo io sono stato usato, mi pareva di essere la Madonna pellegrina…».

In quelle 26 pagine di verbale rese davanti ai pm, Orsoni racconta della sua avventura elettorale del 2010. Lui che era capitato alla politica si può dire per caso: «Nessuna esperienza». E giura di essere stato «abbastanza a digiuno» anche su come reperire risorse.
«Mi venivano a dire: guarda che c’è il tuo concorrente (Renato Brunetta, ndr ) che è in vantaggio. Si dice che ha un milione di euro, quindi tu fai la figura del pezzente… E poi insistevano perché fossi io stesso a finanziare… Mi dicevano: datti da fare per far arrivare risorse adeguate perché sennò rischiamo di andar male (…) Io mi sono adattato, questo non lo nego. E ho insistito con Mazzacurati».

Il re del Mose, alla fine, gli avrebbe dato 560 mila euro. Finanziamento illecito, dice la procura, ma Orsoni racconta ai magistrati che «ho scoperto solo dalle carte giudiziarie che la mia campagna elettorale è stata finanziata in modi non corretti».

«Pur ponendomi problemi di opportunità accettai che il finanziatore fosse Mazzacurati, quindi lo sollecitai (…) Le pressioni per avere soldi si sono fatte sempre più forti, quasi esclusivamente da parte di esponenti del Pd» conferma Orsoni. Chi erano queste persone? chiedono i pm. Risposta: «Il segretario Mognato (Michele, all’epoca segretario provinciale, ndr ) e poi attorno c’erano un po’ tutti, in particolare Zoggia (Davide, allora presidente della Provincia, oggi deputato, ndr )» e «tanti altri minori della segreteria». Proprio a Mognato e Zoggia Orsoni ricorda di aver «espresso i miei dubbi sull’opportunità del finanziamento del Consorzio».

«A me è stato chiesto di fare il sindaco». Da chi? ad esempio dall’ex sindaco Massimo Cacciari e, fra gli altri, da Giampietro Marchese, consigliere regionale del Pd.
Fu Mazzacurati a fare il nome di Cacciari: «Io mi sono sempre occupato delle campagne elettorali, anche quella del tuo predecessore» gli avrebbe ripetuto.

Ma la domanda cruciale che i pm pongono è: «Mazzacurati le ha mai consegnato brevi manu del denaro?». «Mai» risponde Orsoni.
Aggiungendo: «Può anche essere che mi abbia lasciato dei plichi da qualche parte e che io li abbia mollati lì».

I pm scrivono: «Tra persone di mondo questi affari si regolano con comportamenti concludenti e discreti, senza formule sacramentali e atteggiamenti grossolani (…) è plausibile che la consegna a domicilio sia stata la semplice collocazione di una busta anodina in una stanza qualunque, con vereconda indifferenza e reciproche cavalleresche cortesie».

Redazione

[13/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.