venerdì 21 Gennaio 2022
-0.4 C
Venezia

ORSONI : PREGARE INVECE DI SPERARE NEI POLITICI | Lo Stato sta strangolando Enti Locali

HomeVenezia cittàORSONI : PREGARE INVECE DI SPERARE NEI POLITICI | Lo Stato sta strangolando Enti Locali

VENEZIA | “Siamo di fronte situazione abnorme, dove le Amministrazioni locali devono confidare nella fede piuttosto che nella perizia dei propri amministratori centrali”. Un concetto che il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, intervenendo oggi al convegno organizzato dall’Università  Ca’ Foscari e dalla Corte dei Conti sul contributo delle istituzioni alla riduzione della spesa pubblica e alla crescita del Paese, ha spiegato con la precisione dei numeri: i trasferimenti dello Stato al Comune di Venezia dal 2009 al 2012 si sono dimezzati. Il patto di stabilità  considerava un “saldo obiettivo” di 15 milioni di euro nel 2009. Oggi, nel 2012, è traguardato a 65 milioni.

“Questi numeri – ha spiegato il sindaco – ci costringono necessariamente verso un rafforzamento delle entrate proprie del Comune con un appesantimento a carico di famiglie e imprese, il rallentamento degli investimenti con ricadute economiche e sociali sul territorio, una diminuzione dei servizi e contraccolpi sull’occupazione. C’è da considerare inoltre che, a bilancio approvato, a due mesi dal termine dell’anno, ci viene comunicata una ulteriore riduzione dei trasferimenti che inciderà , e non sappiamo ancora quanto, sull’assestamento di di bilancio che dovrà  essere fatto entro novembre. Sembra inoltre che in qualche oscuro ufficio romano si stia ragionando su quale calcolo dell’Ici del 2009 si debba fare, perché in base a quello, sarà  determinata anche l’Imu”.

Una situazione abnorme dunque, squilibrata, nella quale patiscono solo gli enti locali. “Non lo dico io, – spiega ancora Orsoni nel suo intervento – lo dice il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, che nel corso della recente audizione davanti la commissione Bilancio alla Camera, ha affermato: “Lo Stato fa meno investimenti e a pagarne le conseguenze sono le Amministrazioni locali, che hanno visto un taglio di trasferimenti pari al 20% negli ultimi due anni. L’andamento delle spese dello Stato, in un quadro di generale declino degli investimenti vede una distribuzione diseguale di questa tendenza: con le Amministrazioni centrali meno colpite dagli effetti di contenimento e, invece, le Amministrazioni locali mostrano nel biennio 2010-2011 una diminuzione vicina al 20%”, e questo – ha aggiunto il sindaco di Venezia – detto da uno dei più autorevoli esponenti della Corte dei Conti”.

La situazione di squilibrio verso le Amministrazioni locali è stata illustrata da Orsoni dai dati sull’aggravio fiscale: del totale delle nuove entrate introdotte con l’imposizione, l’88,54% rimane allocato presso le Amministrazioni statali. Quasi specularmente, al lato delle entrate, lo Stato si accolla solo una riduzione di spesa pari al 15,26%, addossando ad Amministrazioni locali ed enti previdenziali la restante quota dell’84,74% dei tagli, concentrati prevalentemente proprio sugli enti locali.

“Uno Stato che continua, anche al di là  di questi numeri, a non capire che deve mettere mano ad una riforma seria della propria struttura centrale. Dobbiamo fare molta attenzione oggi sul tema delle autonomie. L’autonomia – ha concluso Orsoni nell’intervento – è uno dei criteri fondanti della nostra Costituzione. Autonomia vuol dire democrazia. Siamo certamente favorevoli ad un controllo della spesa pubblica, ma non dobbiamo neanche consegnare il Paese a dei ragionieri, il Paese deve essere governato dalla politica e la politica vuol dire democrazia, vuol dire autonomia. Ecco perché vorrei richiamare a questi valori che non vanno compressi con delle forme di controllo autarchico che purtroppo vedo striscianti nelle ultime normative”.


[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[25/10/2012]


titolo: ORSONI : PREGARE INVECE DI SPERARE NEI POLITICI | Lo Stato sta strangolando Enti Locali
foto: SINDACO DI VENEZIA GIORGIO ORSONI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...