8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

No caro Galliani, le leggi valgono per tutti, anche per i più forti… forse. Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliNo caro Galliani, le leggi valgono per tutti, anche per i più forti... forse. Di Mattia Cagalli
la notizia dopo la pubblicità

galliani incredulo

Il calcio italiano oramai da anni non conta più nulla a livello internazionale. Lo stiamo capendo grazie alle prestazioni delle nostre squadre nelle coppe europee. Anche la sfida con la più sperduta formazione dal nome impronunciabile è motivo di preoccupazione per il tifoso.
Eppure nonostante i grandi proclami sul potenziamento dei vivai dei vari presidenti, fino ad ora non si sono visti grandi sforzi.

Piuttosto di “allevare” un possibile campione italiano in casa, le varie società preferiscono pescare lo straniero da chissà dove. Se si vanno a leggere le rose delle squadre di serie A, B e C (pardon, Lega Pro), si noterà che l’atleta italiano è l’eccezione.

Quindi il tifoso ha solitamente come idolo il brasiliano, l’argentino o il nigeriano di turno. Nonostante questo però, il tifoso italiano è notoriamente razzista.
Almeno, questo è quello che pensano nelle sedi della Federazione Giuoco Calcio; la grande battaglia del momento è la sconfitta del “pericolosissimo” razzismo negli stadi.

Trovo alquanto ipocrita questa crociata in difesa di atleti stranieri, quando a giocare sono praticamente solo i non italiani. Siamo quindi sicuri che tutti questi famosi “Buhh”, siano sinonimo di razzismo?

O forse ha in fondo ragione Zeman quando sostiene che gli insulti a Balotelli non sono causati dal colore della sua pelle ma dalla sua antipatia e dagli atteggiamenti in campo e fuori? Personalmente opto per questa versione.

Le leggi comunque ci sono, ci sono in tutta Europa e vanno fatte rispettare. Ci hanno lasciato liberi di interpretarle e modificarle e noi prontamente lo abbiamo fatto, aggiungendo la “discriminazione territoriale”.

Ebbene si, siamo stati in grado di inventarci questa meravigliosa postilla che non è altro che una distinzione faziosa tra due termini perfettamente identici.
Qualcuno però ha notato questa differenza, nei cori dei tifosi del Milan e allora via, pronta la sanzione: chiusura totale dello stadio.

Pronta la reazione della dirigenza rossonera, in particolar modo nella figura di Galliani che ha minacciato ricorso in ogni sede possibile.
No caro Galliani, non puoi accorgerti di questa legge buffona solo perché ha toccato la tua squadra. Non puoi ritenere sbagliata una regola perché ti riguarda ora da vicino.

Le leggi in questo paese risultano sbagliate solo quando toccano i potenti, perché semplicemente di questo si tratta.

Quando il Sassuolo venne multato per presunti cori nei confronti di giocatori di colore del Milan durante il Trofeo Berlusconi (cori negati dalla stessa Digos), nessuno a parte la società interessata ha protestato.

Quando nella prima giornata di campionato il Milan è andato a Verona, tutta Italia si aspettava e in fondo augurava che la curva dell’Hellas venisse chiusa. Perché, diciamo la verità, tutti ci gongolavano (stampa compresa) in questa speranza.

Ora quindi, dato che la legge c’è, il Milan deve pagare. Perché le leggi valgono per i più potenti come per i più deboli.

Che la regola non sia altro che una comica, se ne sono accorti anche gli stessi napoletani che con la classica ironia si sono sfottuti da soli con striscioni.

Perché semplicemente di questo si tratta, di sfottò, una cosa che negli stadi c’è sempre stata e per fortuna qualcuno l’ha capito.

Loro lo sanno benissimo che quando i tifosi del nord si augurano che il Vesuvio faccia il suo dovere è solo un coro, come noi del nord sappiamo che quando ci informano che “Giulietta è una zoccola” lo fanno solamente con ironia.

Sia ben chiaro che la violenza, quella fisica è tutt’altra cosa ma non trasformiamo gli stadi in conventi di clausura, dove il silenzio deve regnare sovrano.
Il razzismo non si combatte negli stadi (anche perché vero razzismo non è), lo si sconfigge con l’educazione nelle famiglie e nelle scuole.

Non può essere l’ultrà il modello da seguire per le future generazioni.

Mattia Cagalli

[11/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...