24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Natura morta con briciole, sessant’anni e avere ancora voglia di ricominciare

HomeLibri, recensioni e nuove usciteNatura morta con briciole, sessant’anni e avere ancora voglia di ricominciare

natura morta con briciole

Quando l’orologio biologico non va più avanti come prima, quando superata la soglia dei sessant’anni i cambiamenti si fanno più sentire e l’esistenza è stravolta da numerosi altri imprevisti e situazioni, non resta che sapersi reinventare una vita e se stessi, questa la sorta di morale-consiglio che Rebecca Winter, la protagonista del romanzo Natura morta con briciole di Anna Quindlen, pubblicato in Italia da Cavallo di Ferro, dà a tutte coloro che come lei, a sessant’anni, mettono la parola inizio ad un’altra fase della propria vita.

Rebecca Winter è una nota fotografa newyorkese ormai in declino e con problemi economici. Ha un figlio ormai adulto, Ben, un divorzio alle spalle e due genitori anziani. Per risparmiare, decide di mettere in affitto il suo bellissimo appartamento in città e andare a vivere in campagna in una casa più economica e quasi fatiscente. In questo paesino conoscerà un mondo diverso da quello a cui era abituata a New York City e con esso anche dei nuovi amici e Jim, un uomo più giovane di lei.

Dopo numerosi romanzi, che per chi non conosce la Quindlen, scrittrice e giornalista statunitense premiata con il Pulitzer per la sua rubrica sul New York Times, sono sempre molto malinconici e drammatici, questa volta ci si trova di fronte un romanzo con risvolti meno infelici. Immerso nel realismo e nella semplice quotidianità, Natura morta con briciole, riesce a colpire le lettrici proprio per la sua capacità di raccontare, con estrema naturalezza, situazioni che tutte potrebbero vivere in prima persona.

Quella di Rebecca Winter infatti, è un’esistenza senza tanti fronzoli, vissuta certo negli ambienti della borghesia newyorkese, attorniata dagli agi, ma senza particolari scosse ed avvenimenti. Con il divorzio e l’improvvisa crisi economica, il trasferimento in campagna e l’aver messo in affitto il suo elegante appartamento in città, saranno solamente alcuni degli imprevisti e situazioni che le stravolgeranno la vita.

Cambiamento però, non è sempre presagio di qualcosa di negativo. L’iniziale sensazione di inadeguatezza in questa situazione ed ambiente (campagna), a lei così estranei, per Rebecca si tramuteranno in vere e proprie occasioni. L’incontro fortuito con il riparatore di tetti Jim, le nuove amicizie, i rapporti ritrovati ed altri finiti, saranno per lei sinonimo di rinascita.

Natura morta con briciole, con la sua semplicità e genuinità, finisce per essere un romanzo che è inno alla vita, soprattutto per quando donne, ma anche uomini, arrivati alla famosa ‘’pausa’’, pensano che sia tutto finito e che inizi la vecchiaia. Come insegna la Quindlen però, nulla è perduto, tutto può essere reinventato, anche se stessi. A volte cambiare aria e respirarla a pieni polmoni, fa bene.

Raccontando la storia della protagonista, dando dei consigli e con un grande messaggio di speranza, l’autrice riesce nell’intento di distaccarsi dai precedenti romanzi e sebbene in alcuni punti i flashback della precedente esistenza di Rebecca, tendono ad affettare il testo, grazie all’umorismo e alla scrittura semplice e dettagliata, la Quindlen trasporta le lettrici nel mondo della protagonista, fa vivere le vicende in prima persona e regala un romanzo che seppur nella sua sobrietà, risulta brillante.

Alice Bianco

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.