22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

‘Napolitano Boia’ e scoppia il finimondo. I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura»

HomeNotizie Nazionali'Napolitano Boia' e scoppia il finimondo. I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura»

napolitano indulto amnistia

«Il boia Napolitano vuole cucire la bocca alle opposizioni e tagliarci quasi la testa». Quando Girgis «Giorgio» Sorial, deputato bresciano di genitori copti egiziani, pronuncia queste parole in conferenza stampa leggendo un documento dei 5 Stelle, alla Camera, i cronisti sobbalzano.

Passano pochi minuti e scoppia il finimondo. Accuse e indignazioni contro il Movimento 5 Stelle. A difesa del Quirinale intervengono Enrico Letta e Matteo Renzi e la Procura valuta se aprire un’inchiesta per vilipendio. Dal Quirinale arriva solo un silenzio gelido.

I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura». Un anticipo di quella messa in stato d’accusa già annunciata e alla quale stanno lavorando all’interno del gruppo di Beppe Grillo. E la lettera al Quirinale non è un passo indietro sull’impeachment, assicurano i 5 Stelle: «Arriverà presto e non ci sarà bisogno di metterla ai voti in rete, siamo tutti d’accordo».

‘Napolitano Boia’ è l’insulto più pesante rivolto al Colle nella seconda Repubblica. La lettera finisce agli uffici giuridici del Colle, anche se da un primo esame viene giudicata più come una forma di pressione pretestuosa e intimidatoria che come un rilievo concreto. Tra i partiti lo sdegno è collettivo. Persino la Lega ne ha preso le distanze.

Mentre il deputato M5S legge i deputati democratici escono dall’Aula. «Protesta civile contro parole indegne», dice Dario Nardella. Ma i 5 Stelle tengono il punto. Per la Bulgarelli, Napolitano è «garante della maggioranza, non degli italiani». Santangelo lamenta il progressivo «esautoramento delle Camere» e contesta lo schiacciamento dell’opposizione.

Sorial non si pente: «Pentirsi? Ma siete matti? Lo direi ancora. Non è un insulto e non chiedo scusa. E comunque ho avuto solo feedback positivi».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.