8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

‘Napolitano Boia’ e scoppia il finimondo. I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura»

HomeNotizie Nazionali'Napolitano Boia' e scoppia il finimondo. I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura»
la notizia dopo la pubblicità

napolitano indulto amnistia

«Il boia Napolitano vuole cucire la bocca alle opposizioni e tagliarci quasi la testa». Quando Girgis «Giorgio» Sorial, deputato bresciano di genitori copti egiziani, pronuncia queste parole in conferenza stampa leggendo un documento dei 5 Stelle, alla Camera, i cronisti sobbalzano.

Passano pochi minuti e scoppia il finimondo. Accuse e indignazioni contro il Movimento 5 Stelle. A difesa del Quirinale intervengono Enrico Letta e Matteo Renzi e la Procura valuta se aprire un’inchiesta per vilipendio. Dal Quirinale arriva solo un silenzio gelido.

I 5 Stelle contestano «gravi violazioni» nella legge di Stabilità e «decreti licenziati senza copertura». Un anticipo di quella messa in stato d’accusa già annunciata e alla quale stanno lavorando all’interno del gruppo di Beppe Grillo. E la lettera al Quirinale non è un passo indietro sull’impeachment, assicurano i 5 Stelle: «Arriverà presto e non ci sarà bisogno di metterla ai voti in rete, siamo tutti d’accordo».

‘Napolitano Boia’ è l’insulto più pesante rivolto al Colle nella seconda Repubblica. La lettera finisce agli uffici giuridici del Colle, anche se da un primo esame viene giudicata più come una forma di pressione pretestuosa e intimidatoria che come un rilievo concreto. Tra i partiti lo sdegno è collettivo. Persino la Lega ne ha preso le distanze.

Mentre il deputato M5S legge i deputati democratici escono dall’Aula. «Protesta civile contro parole indegne», dice Dario Nardella. Ma i 5 Stelle tengono il punto. Per la Bulgarelli, Napolitano è «garante della maggioranza, non degli italiani». Santangelo lamenta il progressivo «esautoramento delle Camere» e contesta lo schiacciamento dell’opposizione.

Sorial non si pente: «Pentirsi? Ma siete matti? Lo direi ancora. Non è un insulto e non chiedo scusa. E comunque ho avuto solo feedback positivi».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.