Musile di Piave, donna minaccia di darsi fuoco in municipio

ultimo aggiornamento: 07/03/2014 ore 20:33

300

disperazione crisi economica

Ennesimo episodio di disperazione dovuto alla crisi economica e alla disoccupazione. Stamane una donna si è barricata nel municipio di Musile di Piave (Ve) e sta minacciando di darsi fuoco se non si trova immediatamente un posto di lavoro al marito.

La tragica vicenda si sta consumando in queste ore, da quando la donna, assieme al figlio si è rinchiusa nella sala dove solitamente si riunisce la giunta comunale. ‘’ Date lavoro a mio marito’’ queste le grida che provengono dalle finestre e sembra che la signora si sia già cosparsa di benzina, portata a taniche, per poter così darsi fuoco.


Sbarrata la porta, la donna, che assieme al marito pare essere di origini napoletane, ha spiegato che a causa della situazione di povertà in cui vive la famiglia, ciò che chiede è un’occupazione per il compagno e una casa.

Il municipio è stato fatto evacuare ed è ora circondato dai Carabinieri. I militari stanno cercando di tranquillizzare la signora, affinché non faccia gesti avventati mettendo anche in pericolo il figlio che ha portato con sé.

Il luogotenente dei Carabinieri, Vincenzo Cerrato ha portato sul posto il marito e il figlio maggiore della donna, che facendola ragionare, sembra siano riusciti a convincerla a desistere ed evitare che potesse diventare una torcia umana. Era stata avvertita anche la Procura per un possibile blitz interno, ipotesi poi scartata per pericolo che la donna potesse spaventarsi e accendere l’accendino.


Il sindaco Gianluca Forcolin ha assicurato che riceverà la famiglia, cercando di venirle incontro ed aiutandoli.

Alice Bianco

[07/03/2014]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here