27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Musei di Venezia, gli incassi non finiranno più a Roma

HomeNotizie Venezia e MestreMusei di Venezia, gli incassi non finiranno più a Roma

Convegno su innovazione a Venezia

Le entrate dei musei di Venezia non andranno più a Roma ma riempiranno le casse dei musei statali della città. E per gestirle arriverà anche un manager che lavorerà affianco al soprintendente del polo museale veneziano.

Questa è una delle novità del decreto cultura, voluta dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e che quindi dà la piena autonomia ai musei nel gestirsi le proprie risorse.

Prima, infatti, l’entrate dei biglietti finivano in un fondo unico al Ministero dell’Economia, ora, invece, verranno riassegnati al Ministero dei Beni Culturali e trasferiti, ogni 3 mesi, in base a quanto è stato ottenuto dalla vendita dei biglietti e dalla ottimizzazione degli spazi.

In particolare i musei veneziani incassano più di 2 milioni di euro all’anno per i biglietti e da altre entrate per esempio per le Gallerie dell’Accademia oppure per quella Franchetti alla Ca d’Oro o per il museo Orientale a Palazzo Grimani.

Il 10% delle entrate, fino ad ora, circa 200 mila euro, finiva però nelle casse dello Stato, ma ora non sarà più cosi.

«Il ministro Franceschini – dichiara Cristiano Chiarot, sovrintendente della Fenice – sta imponendo una netta svolta alla gestioni dei Beni Culturali in Italia, con decisioni che vanno al colmare il gap con altri Paesi europei, dando una svolta moderna imperniata sull’ efficienza, il miglioramento dei servizi e lo sviluppo».

E dopo che Franceschini ha dichiarato che questo è “un passo importante per premiare le istituzioni virtuose”, Chiarot si fa portavoce e fa altre due richieste al Ministro: : l’esenzione del pagamento dell’Irap e la riduzione dell’ Iva sui biglietti ora al 10 per cento.

«Questo – conclude il sovrintendente – sarebbe un segnale positivo e una spinta a un settore culturale di eccellenza che porterebbe tutti a trovare nuove risorse al proprio interno».

Redazione

[03/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.