21.3 C
Venezia
sabato 18 Settembre 2021

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

HomeMostra del Cinema di VeneziaMostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra.
Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine.
A che pro stare qui se non si riesce a vedere film?
Noi siamo una dozzina che si tengono in contatto durante l’anno, poi affrontano il viaggio e vengono qui a spese proprie per questa decina di giorni in quanto grandi appassionati di cinema, presenti fedelmente ogni anno a Lido.
Portiamo a conoscenza che quest’anno abbiamo dato disdetta alle rispettive stanze.
Ce ne andiamo prima.
Che senso ha stare in giardino e per strada altri quattro giorni?
I film non si riescono a vedere!

Tutti lo sanno ma non bisogna dirlo, forse perché nuoce alla ripartenza.
Ma non è così che deve funzionare, scusate:
vi intascate 60 euro a testa per accredito e abbonamento ma non mettete in condizione di fruirli.
La Biennale annuncia orgogliosa di aver venduto 3.000 accrediti in più rispetto all’anno scorso (tre-mi-la!).
A 60 euro all’uno, fate voi i conti, ma sarebbe niente.
La capienza delle sale è ridotta al 50% per normativa Covid.
Dunque tu mi vendi 3.000 accrediti in più dell’anno prima togliendomi metà posti a sedere…
Sono due le cose: o non sapete fare i conti o li sapete fare e siete in mala fede.
Ma siamo sicuri che la cosa non interessi a nessuna istituzione di controllo?

Il sistema per prenotare, poi, ha offerto scene tragicomiche.
Ad esempio, quando siamo entrati in sistema perché proprio in quel momento il film dovrebbe essere prenotabile (a partire da 72 ore prima) incredibilmente era già tutto esaurito.
Ma come? Se gli accessi sono possibili da quel minuto preciso??
Invece si trova già tutto occupato.

E così è anche dopo, in vari orari della giornata e anche di notte: il disegno della sala della pagina mostra sempre le poltroncine colorate di grigio e non sono cliccabili.

Dopo una settimana qualcuno di noi è riuscito a vedere 2 (!) film ma mai quelli che voleva.
Qualcuno ne ha visto 1 (!) e due ragazze NESSUNO (!).
Tenetevi pure i nostri 60 euro e tenetevi una Mostra del Cinema fatta così,
fatta per fare articoli sui giornali e – evidentemente – per guadagnare soldi.

Un gruppo di accreditati a Lido

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

15 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. In effetti difficilissimo prendere i biglietti oltre che molto strano il trovare poco dopo l’apertura all’acquisto moltissimi spettacoli esauriti.
    Carenza del sistema oppure scelta organizzativa?
    Essendo il cinema spettacolo e moltissime persone sono arrivate al Lido per vedere personaggi dello spettacolo, mi chiedo perché la zona del red carpet non sia stata realizzata affinché le persone potessero vedere ? La grande muraglia era sicuramente un forte limite

  2. Quest’anno hanno fatto una putt…. Grande come una casa, hanno eliminato i tesserini gialli – arancione che erano riservati ai nuovi media, piccole testate online e siti web, trasformandoli tutti di ufficio in blu.
    In un attimo i ‘periodichals’ blu si sono trovati circondati da alcune migliaia di ragazzini sempre con lo smartphone in mano.
    Va bene le prenotazioni, ma da che mondo è mondo deve esistere un codice di priorità , non si può mettere un professionista di 60 anni che lavora da 30 in competizione con il ragazzino che collabora con il sitarello.
    Da 25 anni vengo a lido ma un cappellata così non l’avevo mai vista .

  3. mai riuscita a prenotarne una conferenza stampa,
    sempre tutto grigio, tutto pieno, tutto già prenotato…
    entrano sempre i soliti

  4. Mai stato uno schifo come quest’anno.
    Neanche dieci -quindici anni fa che facevi la fila non ho perso tutti i film che mi interessavano come questa volta,
    bastava mettersi in coda per tempo all’epoca.
    Le pagine delle prenotazioni quest’anno erano
    SEMPRE PER TUTTI I FILM NON CLICCABILI IN TUTTE LE SALE.
    Mai un messaggio di spiegazione, del tipo: “questo film è disponibile dalle xxxx del giorno xxxx”, “posti prenotati…”,xxxx”
    mai, tutto in una specie di oblio in cui non si prenotava niente

  5. La gestione allucinante di quest’anno degli accreditati (e dei biglietti, anche)
    fa il pari con il servizio di accoglienza-cerimoniale che non fa entrare Nancy Brilly con la signorina che le dice: si procuri il biglietto e passi da dietro…”

  6. Riuscita a vedere una decina di film, ma non i 3-4 che volevo.
    Passata una settimana di inferno: giorno e notte (letteralmente) a controllare la pagina delle prenotazioni.
    Ovunque: nelle pause, in giardino, per syrada, persino dentro al cinema fino al momento che proprio quasi mi cacciavano.
    Mai stata una schifezza così

  7. Io ho fatto l’accredito per over 60 a 85 euro e sono riuscita a vedere 14 film in 5 giorni ma con uno stress da prenotazione pazzesco. Sveglia alle 6.15 per riuscire a prenotare (sempre e solo al Palabiennale) i film delle 8 delle 72 ore dopo, il problema è che se poi riesci a prenotare qualche film prima o poi non prenoti più niente perché sei in sala e dovresti prenotare i film e non puoi perché i telefoni sono ovviamente spenti (anche perché vuoi anche goderti il film per il quale hai tanto tribolato). Quando esci dalla sala e provi a cercare qualche film è tutto esaurito…. Insomma ce l’ho fatta ma con una fatica enorme e tanta ma tanta fortuna.
    Peccato

    • 14 film?? Ti faccio i miei complimenti.
      io visti due in totale, ma non perchè mi interessavano:
      Vidblysk (ucraino) e Pubu (cinese)
      perchè ho approfittato di due che hanno rinunciato.
      Ma si può?

  8. Quest’anno è stato ancora più vergognoso dello scorso e anch’io da grande appassionata ho lasciato il Lido anzitempo!!
    I biglietti che sono riuscita a comprare sono stati veramente pochi perché il sito ha dato da subito problemi. Degli amici mi hanno regalato un abbonamento con posto fisso alle ore 18.00 peccato che non vi fosse nessun film in sala biennale a quell’ora. All’info point dopo varie consultazioni e telefonate interne mi hanno detto di recarmi in sala per i film tra le 17.30 e le 19.00. Al primo in programma non era possibile accedere perché nonostante fosse indicato come aperto al pubblico di trattava di un evento speciale a cui non si poteva accedere. Poi ci hanno detto che si poteva accedere ma con un’integrazione di due euro da pagare solo con carta di credito e on line!!! Un’impiegata gentile ci ha comprato gli ingressi dal suo account e io mi sono prestata a pagare anche per le signore che si trovavano nella mia situazione (che mi hanno rimborsata non è questo il punto) usando il mio titolo di credito.
    Ecc. ecc. poi si lèggono le rassegne stampa e si intuisce come forse desirerebbero che la Mostra fosse davvero un peccato che non abbia a che vedere con quel che è!!!
    Lo scrivo con grande rammarico.

  9. Forse i Signori appassionati non sanno che gli accrediti professional al bancone sono quotati 350 euro, con un aumento di 100 euro rispetto all’anno scorso! Mentre la press è sempre agevolata, sia come costi (bè i più titolati hanno tutto pagato) che come prenotazioni: ed è ciò che interessa all’organizzazione. I contributi pubblici li prendi soltanto se hai una rassegna stampa alta così! E poi non mi fanno entrare neanche Nancy Brilli perché non scende dall’auto? Qui occorre una class action! Ed i fans che si accalcavano dal mattino per aver un posto in prima fila davanti all’entrata (buona) della Sala Grande?! Non si può vedere la sfilata solo per i fotografi e le TV!!! E Buon fine Mostra!

    • Abbia pazienza: qui non è questione di 60 o 350, ma che non si riesce ad usufruire del servizio che mi hanno venduto.
      Cosa vuol dire: se spendi di più riesci a vedere i film mentre se spendi di meno hai in mano un pezzo di plastica che non serve a niente ma non te lo dico?
      Ecche sistema è?
      Comunque capisco il messaggio sui più quotati, servono al sistema come dice giustamente, ogni giorno si fa una rassegna stampa alta così e arrivano i contributi…
      Buona Fine Mostra a Lei, non a me, anche io ho rinunciato, riproverò l’hanno prossimo

  10. il problema non è certamente il sistema di prenotazione come hanno detto, sono gli stessi numeri che hanno pubblicato ieri a dimostrarlo

    • non sono d’accordo: i problemi non sono SOLO per i numeri.
      Quando entri in una pagina dove hanno ‘appena aperto’ un film per la prenotazione la trovi tutta esaurita?
      Centinaia di posti occupati in 4-5 secondi??
      C’è qualcos’altro di sicuro, dai…

  11. Da anni il Lido vive una condizione di profonda agonia. Avrebbero potuto costruire il nuovo palazzo del cinema nella zona dell’ex ospedale al mare, rivitalizzando tutta la zona di San Nicolò, ma forse sì è preferito non turbare il Grand hotel Excelsior. Abbiamo perso una grande opportunità di realizzare una cittadella del cinema e congressi. L’agonia continua con le solite costruzioni provvisorie orrende.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor