27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Morte Michele Ferrulli, agenti assolti con formula piena

HomeCronacaMorte Michele Ferrulli, agenti assolti con formula piena

Morte Michele Ferrulli, agenti assolti con formula piena

Michele Ferrulli, facchino di 51 anni fu immobilizzato dai 4 agenti della Volante il 30 giugno 2011, intervenuti dopo essere stati chiamati per schiamazzi estivi in via Varsavia a Milano.
L’uomo morì per una crisi cardiaca, ma la responsabilità di questo non può essere imputata ai poliziotti, accusati inizialmente di «pestaggio» con imputazione di omicidio preterintenzionale.

La prima Corte d’Assise di Milano (presidente Guido Piffer, a latere Elisabetta Canevini) ha assolto con la formula più piena, perchè «il fatto non sussiste», i quattro poliziotti Francesco Ercoli, Michele Lucchetti, Roberto Stefano Piva e Sebastiano Cannizzo, per i quali la Procura chiedeva la condanna a 7 anni.

Per il pm Gaetano Ruta Ferrulli aveva un atteggiamento non aggressivo nei loro confronti» e tuttavia aveva «subìto percosse» da poliziotti che avevano agito «in quattro contro una persona più anziana di loro, che era prona, bloccata a terra e invocava aiuto. A corredo dell’accusa materiale sonoro, spezzoni di registrazione in cui si sentiva gridare «aiuto… , basta».

I difensori degli imputati Paolo Siniscalchi e Massimo Pellicciotta argomentavano che l’attività dei poliziotti era stata «coerente con l’ammanettamento di una persona che opponeva resistenza», e negli atti rintracciavano «gesti di sfida» dell’uomo che ai poliziotti avrebbe detto «togliti la divisa e facciamo a botte», tanto da «dare una spallata e fare resistenza» ed «essere percepito dagli agenti della Volante come una minaccia».
Gli agenti si erano dunque comportati «con professionalità»: «Hanno fatto quello che era corretto fare, ed è ora di smettersela di prendersela con la polizia» ha dichiarato l’avvocato Pellicciotta.

Redazione

[04/07/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.