Monossido di carbonio: morto giovane di 16 anni a San Vendemiano, nel trevigiano

ultimo aggiornamento: 06/01/2014 ore 20:39

108

vigili del fuoco intervento

Il monossido di carbonio ha fatto un’altra vittima. Un giovane cinese di 16 anni è morto in seguito alle esalazioni che si sarebbero presumibilmente sprigionate da uno scaldabagno difettoso alimentato a gas.
Il decesso è avvenuto in una casa a San Vendemiano, nel trevigiano.

Il giovane, secondo una prima ricostruzione, era andato in bagno per lavarsi, ma la madre, che stava fuori casa, si è insospettita perchè il figlio non rispondeva al telefono da ore.

La donna allora ha chiesto ad un connazionale di controllare e il ragazzo è stato trovato
riverso, esanime, sul pavimento del bagno.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco.

Redazione

[06/01/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here