2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Milan, Galliani: ‘Bastano 50 individui per colpire una società’

HomeCalcioMilan, Galliani: 'Bastano 50 individui per colpire una società'
la notizia dopo la pubblicità

galliani disperato

Il Milan non sta attraversando un periodo felice. Crisi di risultati, di gioco e di nervi. Poi arrivano le stangate del giudice sportivo, che obbligano San Siro a stare chiuso per la prossima gara con l’Udinese. Curiosa anche la motivazione della sanzione: «cori di discriminazione territoriale».

TIl caso stadio ha veramente colpito la società, che ha annunciato ricorso. «Capisco il razzismo, ma la norma sulla discriminazione territoriale va abolita: tutti i presidenti sono d’accordo con me e ho già chiamato il presidente della Figc Abete per dirglielo. Ha detto che ci penseranno», dice Adriano Galliani.

«Le società di A chiederanno alla Federcalcio una profonda revisione dell’apparato sanzionatorio» conferma Maurizio Beretta. Il problema è che quel coro, pronunciato allo Juventus Stadium, non è stato sentito da nessuno.
Anche se è stato annunciato il ricorso, occorrerà attendere il referto del giudice per capire cosa è stato cantato e su cosa fare ricorso.

«Ero allo stadio e ho sentito invece tanti cori contro Balotelli» aggiunge caustico l’ad milanista. Domenica si è udito, proveniente dal settore rossonero, un «Noi non siamo napoletani», colto dai microfoni di Sky, ma i precedenti dimostrano che questo non viene considerato offensivo. Si è sentito ancora meglio un coro molto simile cantato dagli juventini ma pure questo non è stato sanzionato. «Non esiste in altro luogo al mondo una regola del genere, che espone le società a gravi rischi» spiega il vicepresidente rossonero: «Perché, dopo la chiusura della curva e dello stadio, la prossima infrazione comporterebbe la partita persa a tavolino ed eventualmente una penalità in classifica. Ciò significa che basta una cinquantina di individui per uccidere una società».

IL momento di crisi si riflette anche sull’atteggiamento in campo dei giocatori. Ultimo episodio: Mexes. Philippe è stato squalificato per 4 giornate (3 per il pugno a Chiellini, 1 per la doppia ammonizione) e il Milan non presenterà ricorso. «Chi sbaglia paga» ha chiosato Galliani minaccioso che ora comminerà una maxi multa al difensore francese.

Infine, i risultati: il Milan ha la terza peggior difesa del campionato. Da Berlusconi nessun commento, ma lui in questo momento ha altro a cui pensare.

Roberto Dal Maschio

[08/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...