COMMENTA QUESTO FATTO
 

mike tyson boxe pugilato campione mondiale

Mike Tyson ha raccontato la sua vita in “Undisputed Truth” (“Verità all’unanimità”). E’ una specie di confessione-verità che uscirà la prossima settimana negli Stati Uniti, ma il giornale britannico Daily Mail è riuscito a venirne già in possesso e ne ha pubblicato alcuni brani.

Tyson racconta senza peli sulla lingua la sua vita, a partire dall’infanzia turbolenta, poi corretta e raddrizzata grazie allo sport e alla disciplina della boxe, ma poi di nuovo smarrita per la perdita di Cus D’Amico, un allenatore, un amico, un maestro, un mentore.

I successi del ring, la fama, il denaro quindi la caduta, nella vita e nella moralità. I vizi, la violenza: la condanna per lo stupro a Desiree Washington e gli anni di carcere. In prigione promiscuità: sesso dietro le sbarre alternato a raptus in cui potrebbe davvero uccidere qualcuno. Alcol, droga e un patrimonio di 300 milioni di dollari dilapidato in poco tempo.

Oggi Tyson combatte ancora, ma tutti i giorni, contro i suoi istinti, nello sforzo di vivere una vita normale, senza eccessi, e non nega di avere frequenti nostalgie per i tempi in cui trascorreva le notte nei più licenziosi stripclub accompagnato da spogliarelliste e cocaina.

Paolo Pradolin

[12/11/2013]

Riproduzione vietata

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here