martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

MELANIA REA | E' stato Parolisi

HomeNotizie NazionaliMELANIA REA | E' stato Parolisi

E' stato Salvatore Parolisi ad uccidere la moglie, Melania Rea, i giudici non hanno neanche un dubbio e lo dimostrano con la sentenza : ergastolo. Tutto il resto della vita in prigione nonostante fosse un 'rito abbreviato' che prevede uno sconto della pena. Per la giustizia l'assassino è Parolisi, 34 anni, ex caporalmaggiore della caserma Clementi di Ascoli Piceno.L'ex marito di melania rea è stato dunque condannato all'ergastolo per l'omicidio della moglie Melania Rea, 29 anni.
Sono state accolte completamente le richieste dell'accusa: il giudice di Teramo, Marina Tommolini, ha ritenuto Parolisi responsabile dell'efferato delitto che uccise Melania accoltellandola per 35 volte nella pineta di Ripe di Civitella. Sulla condanna pesano anche il tentativo di depistare le indagini, oltre alla 'barbarie': l'ex marito avrebbe deturpato il corpo della moglie dopo l'omicidio nel tentativo di confondere le idee agli investigatori.
La pena, così, diventa pesantissima: omicidio volontario e vilipendio di cadavere. L'omicidio, in particolare, ha tre aggravanti : la crudeltà , il rapporto di essere coniugi e la minorata difesa di Melania, incapace di opporre resistenza in quel frangente, essendosi a lui abbandonata.

Alla fine, il tribunale stabilisce che Parolisi non ha più la potestà  genitoriale, gli viene quindi tolto il diritto di essere il padre della piccola rimasta orfana della mamma, mentre sono state anche riconosciute provvisionali di due milioni di euro: uno a favore della figlia di tre anni, 500 mila alla madre e 500 al padre di Melania.

Entro 90 giorni le motivazioni del giudice in cui si capirà  che cosa, della lunga lista di indizi, ha convinto definitivamente sulla colpevolezza di Parolisi.
All'uscita del tribunale, applausi al passaggio della famiglia Rea e fischi e insulti, invece, per Parolisi.

Mario Nascimbeni
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[27/10/2012]


titolo: MELANIA REA | E' stato Parolisi
foto: SALVATORE PAROLISI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.