martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

MATTEO AVEVA PREMEDITATO IL PIANO PER UCCIDERE DENISE

HomeRegione VenetoMATTEO AVEVA PREMEDITATO IL PIANO PER UCCIDERE DENISE

MONTEBELLUNA | Matteo Rossi, 37 anni, rappresentante di materassi, martedì ha sparato a Denise Morello, 23 anni, freddandola appena salita in auto per poi suicidarsi dopo l’assassinio. Molti gli interrogativi del giorno dopo, ma uno non serve, una cosa è acclarata: l'assassinio di Denise è premeditato.
Il piano potrebbe essere scattato nella mente di Matteo già  a metà  febbraio, quando ha dovuto registrare la delusione per cui neanche la pagina a pagamento comprata su un giornale per tentare di far breccia nel cuore dell’ex fidanzata aveva funzionato. Da quel momento potrebbe essere scattata nella sua mente la molla per cominciare a costruire il suo piano, realizzato sfruttando le pieghe della legge e qualche amicizia.
Un interrogativo, in particolare, martella la testa di chi conosceva Matteo o Denise: chi ha dato una pistola a Matteo Rossi? Possibile che le 'difficoltà ' non siano emerse?
Denise aveva chiesto aiuto. In gennaio Denise Morello andò dai carabinieri di Montebelluna con i genitori per raccontare quello che era diventato il suo incubo: sms, appostamenti, telefonate insistenti. Nessuna minaccia però: per questo Denise si limitò a una segnalazione, senza fare quella denuncia che avrebbe cambiato tutto. I carabinieri possono solo convocare l’uomo e redarguirlo.
Passano pochi giorni e Rossi si presenta al Commissariato di polizia di Jesolo accompagnato da un conoscente. Chiede il rilascio di una licenza per «detenzione di arma da tiro a uso sportivo», presenta documenti e pratiche. Perchè Jesolo e non Treviso? «Perché lavoro spesso in zona e mi sono trovato a passare di qua» dice agli agenti del commissariato. Quanto accaduto a Montebelluna non è verbalizzato come una denuncia e il permesso della questura di Venezia per la pistola arriva il 22 marzo.
Altri messaggi di Matteo arrivano al cellulare di Denise, lei forse li ignora, forse lo respinge ancora, di certo non sa che ha in mano una pistola.
Poi la tragedia. I carabinieri trovano a casa di Matteo una lettera in cui chiede scusa, si rivolge alla famiglia e anche a Denise dicendo «di averle dato tutto» e che «la vita non aveva senso» senza di lei. Una lettera scritta avendo già  un'arma carica, una pistola che non avrebbe dovuto avere.

paolo pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[18/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“C’è l’obbligo di vaccinazione, perché non posso scegliere il Novavax?”. Lettere

Siamo a gennaio 2022 ( i commenti che ho letto sono molto più vecchi). Non mi sono ancora vaccinata perché, vedendo anche brutte conseguenze post vaccino su alcune persone a me conosciute ( direttamente o indirettamente) a me questa Terapia genica...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...