22 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Marghera in tilt, tutti alla Nave de Vero a Pasquetta

HomeMestre e terrafermaMarghera in tilt, tutti alla Nave de Vero a Pasquetta

nave de vero marghera

Complice la giornata uggiosa e le temperature che sembravano più autunnali che primaverili, la Pasquetta di ieri per molti residenti in terraferma è stata trascorsa alla Nave de Vero di Marghera… almeno per chi è riuscito a raggiungerla.

Solo verso sera, infatti, e ben dopo le 20, il traffico è tornato normale, mentre dalle 9 della mattina colonne di macchine tentavano di raggiungere il nuovo centro commerciale.

Dal primo pomeriggio il traffico si è trasformato in caos con la coda di macchine che partiva già all’incrocio tra via Fratelli Bandiera e via Bottenigo, per poi continuare presso la rotonda di via dell’Avena, con gente che girava in tondo, a bordo delle loro automobili, alla ricerca di un parcheggio come se fosse il Sacra Graal.

Impossibile raggiungere anche l’UCI Cinema di Marghera. La gente, infatti, che non riusciva a trovare parcheggio alla Nave de Vero e aveva fatto già il giro di tutte le stradine laterali, compresi parcheggi delle fabbriche completamente stracolmi, ha deciso di provare il tutto e per tutto con il parcheggio davanti al Leroy Merlin oppure quello sotterraneo del cinema.

E così Marghera giro di poche ore va completamente in tilt e la gente invece di passare una serena Pasquetta, finisce per innervosirsi e arrabbiarsi con gli altri automobilisti che avevano parcheggiato un po’ dappertutto.

«Chi me lo ha fatto fare» è la frase che si sente ripetere più spesso, seguita da auto insulti del tipo «Bisogna essere proprio cretini nel decidere di andare a Pasquetta in un nuovo centro commerciale, come abbiamo deciso noi!».

Impossibile anche solo mettere piede vicino alla Nave de Vero con gente anche fuori dal centro commerciale, a piedi, che aspettava di poter entrare, come passeggeri in un’attesa spasmodica di essere imbarcati per un viaggio che li porterà nell’oceano di negozi.

Mentre fuori sono in molti a dover aspettare di superare la barriera, e non corallina, ma di macchine.

Redazione

[22/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.