5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Marghera in tilt, tutti alla Nave de Vero a Pasquetta

HomeMestre e terrafermaMarghera in tilt, tutti alla Nave de Vero a Pasquetta
la notizia dopo la pubblicità

nave de vero marghera

Complice la giornata uggiosa e le temperature che sembravano più autunnali che primaverili, la Pasquetta di ieri per molti residenti in terraferma è stata trascorsa alla Nave de Vero di Marghera… almeno per chi è riuscito a raggiungerla.

Solo verso sera, infatti, e ben dopo le 20, il traffico è tornato normale, mentre dalle 9 della mattina colonne di macchine tentavano di raggiungere il nuovo centro commerciale.

Dal primo pomeriggio il traffico si è trasformato in caos con la coda di macchine che partiva già all’incrocio tra via Fratelli Bandiera e via Bottenigo, per poi continuare presso la rotonda di via dell’Avena, con gente che girava in tondo, a bordo delle loro automobili, alla ricerca di un parcheggio come se fosse il Sacra Graal.

Impossibile raggiungere anche l’UCI Cinema di Marghera. La gente, infatti, che non riusciva a trovare parcheggio alla Nave de Vero e aveva fatto già il giro di tutte le stradine laterali, compresi parcheggi delle fabbriche completamente stracolmi, ha deciso di provare il tutto e per tutto con il parcheggio davanti al Leroy Merlin oppure quello sotterraneo del cinema.

E così Marghera giro di poche ore va completamente in tilt e la gente invece di passare una serena Pasquetta, finisce per innervosirsi e arrabbiarsi con gli altri automobilisti che avevano parcheggiato un po’ dappertutto.

«Chi me lo ha fatto fare» è la frase che si sente ripetere più spesso, seguita da auto insulti del tipo «Bisogna essere proprio cretini nel decidere di andare a Pasquetta in un nuovo centro commerciale, come abbiamo deciso noi!».

Impossibile anche solo mettere piede vicino alla Nave de Vero con gente anche fuori dal centro commerciale, a piedi, che aspettava di poter entrare, come passeggeri in un’attesa spasmodica di essere imbarcati per un viaggio che li porterà nell’oceano di negozi.

Mentre fuori sono in molti a dover aspettare di superare la barriera, e non corallina, ma di macchine.

Redazione

[22/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.