19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Maresciallo della Guardia di Finanza si spara in casa a Mira

HomeCittà Metropolitana di VeneziaMaresciallo della Guardia di Finanza si spara in casa a Mira

Maresciallo della Guardia di Finanza si spara in casa a Mira

Tragedia a Mira (Venezia).
Maresciallo della Guardia di Finanza si spara in casa suicidandosi. Il militare della Guardia di Finanza di Venezia si è ucciso oggi esplodendo verso se stesso un colpo di pistola nella propria abitazione.

L’uomo, secondo quanto appreso, un maresciallo della polizia tributaria, aveva 41 anni.
La tragica scoperta è stata fatta dalla moglie del finanziere che ha trovato il corpo ormai esanime.

Alla base del suicidio potrebbero esservi problemi di natura personale.
Sul fatto stanno indagando i carabinieri della tenenza di Mira.

Redazione

[21/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.