martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

MANDATO FUORI DALL' AULA, VA IN MOTO PER I CORRIDOI | In una scuola di Treviso

HomeRegione VenetoMANDATO FUORI DALL' AULA, VA IN MOTO PER I CORRIDOI | In una scuola di Treviso

TREVISO | Punito per essere entrato in classe dopo la campanella, viene lasciato fuori dall'aula. Lui si fa un giro di motocross per i corridoi della scuola.
E' accaduto alcuni giorni fa all'istituto professionale Giorgi di Treviso, ma se ne parla ancora oggi in tutte le scuole della città . Un ragazzo si sarebbe preso una punizione per essere entrato in classe dopo il suono della campanella. Doveva rimanere fuori dall'aula fino all'ora successiva ma dopo aver perso un po' di tempo nei corridoi e davanti alla macchina del caffè, il ragazzo ha deciso di vendicarsi.Così è uscito, è salito in sella al suo scooter ed è entrato nella scuola, facendosi un giro con l'acceleratore schiacciato all'interno dell'edificio fino a quando insegnanti e studenti, richiamati dal rumore, si sono affacciati dalle aule ed hanno assistito increduli al rodeo: lo studente disegnava con il suo scooter delle serpentine lungo i corridoi dell'istituto.

L'impresa del giovane è ancor oggi sulla bocca di tutti, e sulla vicenda vi sono varie versioni, quella degli studenti che spalleggiano il compagno e affermano che questo fosse stato punito troppo severamente, addirittura dovendo rimanere fermo sulla stessa piastrella fino all'ora successiva. Gli insegnanti invece smentiscono questa versione spiegando che il ragazzo doveva solo rimanere fuori dall'aula, ma non immobile, era libero di andare dove voleva e infatti, inizialmente, avrebbe vagato per i corridoi, nel cortile della scuola, e davanti la macchinetta del caffè.

Ora qualcuno narra addirittura che il ragazzo dopo il giro, sia anche uscito in scooter dalla porta di sicurezza facendo scattare l'allarme dell'istituto, cosa che avrebbe comportato il bloccaggio automatico dei cancelli. La versione più credibile è che i docenti, una volta usciti dalle aule, abbiano convinto il ragazzo a scendere dallo scooter e che questo si sia pentito del suo piccolo folle gesto, soprattutto perché sarebbe stato spedito dritto in presidenza dove si sarebbe beccato una punizione ben peggiore della prima, due settimane di sospensione.

Giorgia Pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[31/10/2012]


titolo: MANDATO FUORI DALL' AULA, VA IN MOTO PER I CORRIDOI | In una scuola di Treviso
foto: ALUNNI, SCUOLA (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri