7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Polesani di Ficarolo, clinica degli orrori dove si picchiavano i malati

HomeCronacaPolesani di Ficarolo, clinica degli orrori dove si picchiavano i malati
la notizia dopo la pubblicità

Maltrattamenti ai malati in clinica Polesani di Ficarolo

Insulti e botte: cartelle in testa, schiaffi, pugni.
Maltrattamenti ai malati in una clinica di Rovigo densi di violenza e cattiveria.
Le denunce erano partite da alcuni parenti dei ricoverati per strane ecchimosi sul corpo dei degenti, ma nulla poteva far presagire una storia così truce di violenze gratuite che avvenivano in quella struttura chiusa in maniera ermetica.

Polesani di Ficarolo è il nome della clinica, una struttura assistenziale convenzionata con l’azienda sanitaria Ulss 18.
Improvvisamente, all’alba, dopo un blitz della Squadra mobile di Rovigo, sono finiti in manette dieci dipendenti, uno dei quali medico responsabile della struttura.

I maltrattamenti ai malati sono stati silenziosamente e segretamente ripresi dalle telecamere installate di nascosto dai poliziotti che per settimane hanno registrato le scene di violenza.

E’ stata un’inchiesta condotta tra mille difficoltà, spiegano alla polizia, a causa del muro di omertà eretto nella clinica. Due agenti in borghese hanno finto di essere una coppia interessata al ricovero di un congiunto provando a dare invano un’occhiata alle corsie. Il capo della Mobile, Bruno Zito, accusa: «Tutti sapevano, ma nessuno si decideva a denunciare per paura di ritorsioni e di scoperchiare chissà cosa».

Alla Polesani di Ficarolo, oltre agli arrestati, sono state dichiarate indagate altre cinque persone e l’impressione è che ci possano essere ulteriori sviluppi, come testimonia la perquisizione congiunta con i carabinieri del Nas di Padova.
Sotto le lenti d’ingrandimento “strani avvenimenti”: pazienti che hanno perso la vista, che si sono ritrovati femori fratturati e addirittura una morte sospetta: un uomo soffocato mentre mangiava.

Redazione

[21/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...