20.6 C
Venezia
venerdì 06 Agosto 2021

Polesani di Ficarolo, clinica degli orrori dove si picchiavano i malati

HomeCronacaPolesani di Ficarolo, clinica degli orrori dove si picchiavano i malati

Maltrattamenti ai malati in clinica Polesani di Ficarolo

Insulti e botte: cartelle in testa, schiaffi, pugni.
Maltrattamenti ai malati in una clinica di Rovigo densi di violenza e cattiveria.
Le denunce erano partite da alcuni parenti dei ricoverati per strane ecchimosi sul corpo dei degenti, ma nulla poteva far presagire una storia così truce di violenze gratuite che avvenivano in quella struttura chiusa in maniera ermetica.

Polesani di Ficarolo è il nome della clinica, una struttura assistenziale convenzionata con l’azienda sanitaria Ulss 18.
Improvvisamente, all’alba, dopo un blitz della Squadra mobile di Rovigo, sono finiti in manette dieci dipendenti, uno dei quali medico responsabile della struttura.

I maltrattamenti ai malati sono stati silenziosamente e segretamente ripresi dalle telecamere installate di nascosto dai poliziotti che per settimane hanno registrato le scene di violenza.

E’ stata un’inchiesta condotta tra mille difficoltà, spiegano alla polizia, a causa del muro di omertà eretto nella clinica. Due agenti in borghese hanno finto di essere una coppia interessata al ricovero di un congiunto provando a dare invano un’occhiata alle corsie. Il capo della Mobile, Bruno Zito, accusa: «Tutti sapevano, ma nessuno si decideva a denunciare per paura di ritorsioni e di scoperchiare chissà cosa».

Alla Polesani di Ficarolo, oltre agli arrestati, sono state dichiarate indagate altre cinque persone e l’impressione è che ci possano essere ulteriori sviluppi, come testimonia la perquisizione congiunta con i carabinieri del Nas di Padova.
Sotto le lenti d’ingrandimento “strani avvenimenti”: pazienti che hanno perso la vista, che si sono ritrovati femori fratturati e addirittura una morte sospetta: un uomo soffocato mentre mangiava.

Redazione

[21/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.