8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Maltempo in Veneto: un nubifragio a Treviso e forti acquazzoni anche nella Bassa Padovana

HomeNotizie VenetoMaltempo in Veneto: un nubifragio a Treviso e forti acquazzoni anche nella Bassa Padovana
la notizia dopo la pubblicità

pioggia allagamenti maltempo

Lo avevano previsto e anche quella a venire, sarà una settimana all’insegna del maltempo. Ieri i primi fenomeni, con violenti acquazzoni, grandine, temporali e nubifragi e conseguenti abbassamenti della temperatura.

Treviso e la Bassa Padovana, le zone maggiormente toccate dalla furia metereologica. Nel capoluogo della Marca infatti, si è abbattuto un vero e proprio nubifragio, allagamenti e piovaschi sono stati registrati anche nel padovano, in zona Este e Montagnana.

A Treviso la zona più colpita dal maltempo è stata quella sud. Già di prima mattina i vigili urbani e la protezione civile sono stati chiamati ad intervenire per bloccare il sottopassaggio di via Sarpi, invaso dall’acqua, ma danni si sono avuti anche al sistema di raccolta di acqua in via Ghirada, chiusa per alcune ore.

Tantissime le strade chiuse a causa di allagamenti, dovuti ai tombini che non hanno retto il carico massiccio di acqua, così come le aeree di campagna circostanti il capoluogo della Marca, invase da acqua e fango e le strade vicine all’aeroporto Canova.

Disagi anche a Preganziol e Paese, entrambi nella provincia di Treviso, dove le strade allagate sono state riaperte solamente una volta defluita l’acqua. In zona Caerano di San Marco (Tv) invece, sono state registrate anche delle scariche elettriche, con uno dei fulmini che si è abbattuto sul camino di un condominio sgretolandone la canna fumaria, piombata sul parcheggio sottostante, causando danni alle auto posteggiate.

Nella Bassa Padovana invece, tra Cervarese, Veggiano e Saccolongo, si sono abbattuti diversi Acquazzoni, piovaschi, grandine, mentre ad Este e Montagnana si sono avuti i danni peggiori: violenti allagamenti, con una casa addirittura invasa dall’acqua. Nell’estense poi, si è scatenata anche una doppia grandinata, che ha imbiancato le vie del centro storico, mentre a Montagnana il maltempo ha rovinato la domenica ecologica.

Redazione

[28/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.