0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

L’Orso del Monte Baldo, i turisti sognano di vederlo

HomeNotizie VenetoL’Orso del Monte Baldo, i turisti sognano di vederlo
la notizia dopo la pubblicità

orso monte baldo

La sua corporatura e i suoi denti aguzzi fanno paura, ma tutti lo vogliono vedere, o almeno intravedere. L’oggetto di tanta curiosità è l’Orso che pare abbia trovato casa, nelle zone del Monte Baldo (tra Trento e Verona), più precisamente sulla Cima Telegrafo a 2200 metri d’altezza.

Due finora i video pubblicati da alcuni escursionisti, che durante la loro scalata hanno avuto la fortuna di vedere con i propri occhi, filmare e addirittura quasi toccare il maestoso animale.

Domenica 25 maggio scorso, è stato il giorno fatidico e il turista che ha avuto questo insolito incontro è anche riuscito a filmarlo. Ora però si è diffusa una vera e propria ‘’orsomania’’, i turisti infatti sono disposti a salire a piedi o fare anche diverse ore di cosa per salire con la seggiovia sul picco della Cima Telegrafo, per poter avvistare l’orso.

Uno dei gestori del rifugio (Barana), che si trova sulle pendici del monte ha commentato: ‘’Le condizioni per arrivare qui da noi sono ancora piuttosto selettive, c’è ancora la neve. Direi che l’effetto orso qui non si è ancora sentito né in positivo né in negativo, ma la stagione è appena incominciata’’.

Mentre il presidente della Funivia di Malcesine ha dichiarato: ‘’La presenza dell’orso è sicuramente un fattore positivo per noi, perché testimonia la straordinaria bellezza del Baldo’’. E non solo di bellezza si parlerà, ma soprattutto di incassi, che in questa stagione estiva saranno da considerarsi elevati, proprio grazie al fenomeno animale.

Per chi si dovesse avventurare e lo dovesse incontrare, gli esperti consigliano: ‘’rimanete fermi e non date segno di spavento. Gli animali temono l’uomo e fuggono se non hanno motivi di attaccare’’. Rimane però da chiedersi se l’orso lo sappia.

Redazione

[04/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.