COMMENTA QUESTO FATTO
 

Gli è che non gli tornavano i conti!
… e si chiedeva, pertanto, come mai il festoso, assordante fragore dei fuochi d’artificio, che coronavano la plurisecolare ricorrenza del “Redentore” e ne rappresentavano l’espressione più imperiosa e folkloristica…..ecco…, per lui, ora, non avevano più quel sapore di “festa veneziana”.

….come pure i tre botti finali, distanziati l’uno dall’altro quasi a voler esibire il loro protagonismo, dopo tanto frastuono, e conclamare, con ciò, che la festa era finita…ecco, pure loro, avevano smarrito la loro autorevolezza e quel carisma dogale di cui erano stati pregni.

….ecco…pure loro si erano posti in fila, ad indicare lo stravolgimento della città , ubriaca di volgarità , sciatta, maleodorante, ed indossate le sembianze dei rintocchi “a morto”, dicevano la loro sull’estinzione di Venezia.

iginio gianeselli

16 luglio 2012

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here