26.6 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Lettera a Gino Strada: «Emergency faccia un passo indietro, a Venezia c’è emergenza abitativa»

HomeNotizie Venezia e MestreLettera a Gino Strada: «Emergency faccia un passo indietro, a Venezia c'è emergenza abitativa»

orsoni e gino strada emergency a venezia

«Rinuncia agli spazi alla Giudecca in favore dei veneziani senza una casa». Matelda Bottoni, rappresentante delle associazioni in Consulta per la casa del Comune di Venezia e membro dell’associazione Venessia.com, all’indomani dell’annuncio della cessione di parte dell’ex Cnomv ad Emergency prende carta e penna e rivolge una supplica al presidente di Emergency, Gino Strada: «È con l’amaro in bocca e con il cuore in mano che ti chiedo di rinunciare alla tua richiesta di destinare l’ormai ex incubatore di imprese alla tua Emergency ong onlus – scrive in una lettera -. Forse non sai che sono stati usati fondi comunitari per adibire quel bellissimo ed utile spazio alle start-up di giovani aziende, ma che dopo pochi anni – a causa di una gestione a dir poco distratta dell’amministrazione comunale – si è già svuotato, anche a causa degli affitti notevoli per essere un incubatore di imprese con lo scopo di creare innovazione, lavoro e sviluppo. Il vincolo per la destinazione d’uso è stato dimezzato da 10 a soli 5 anni e questo ne permette il cambio, ma non lo obbliga».

«A Venezia, come nel resto d’Italia – continua la lettera – è in atto un vero e proprio dramma relativo all’emergenza abitativa, dovuta a una crisi che ha messo in ginocchio l’economia e ha decuplicato gli sfratti per morosità a carico di persone incolpevoli, in un tessuto in cui non è più possibile costruire nuovi alloggi per sopperire al momento estremamente critico che stiamo vivendo, paragonabile solo al dopoguerra. A questo si somma il fenomeno dello spopolamento».

«La città tutta, e parlo dei cittadini e non dei “politici”, sarebbe fiera di offrirti per Emergency piuttosto che vedergli fare la solita, triste, inesorabile fine turistico-alberghiera», poiché l’ex Cnomv, – in una zona “popolare” come la Giudecca – «se proprio “deve” cambiare destinazione d’uso e abbandonare la fallimentare e vergognosa gestione come incubatore d’impresa, deve farlo in senso abitativo. Attendiamo ancora i 5.000 alloggi in social housing promessi dal sindaco Orsoni nel suo programma elettorale» conclude Matelda Bottoni.

Redazione

[26/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.