20.4 C
Venezia
domenica 26 Settembre 2021

Le truffe su esenzioni e agevolazioni, ticket sanitari e il resto

HomeNotizie NazionaliLe truffe su esenzioni e agevolazioni, ticket sanitari e il resto

I dati della Guardia di finanza sono impressionanti: una persona su due che ha diritto all'aiuto dello Stato è un finto povero. Tra le agevolazioni più diffuse carpite senza averne titolo: prestazioni sociali agevolate come libri gratis a situazioni indigenti, asilo nido pubblico o le borse di studio e l'esenzione dal ticket sanitario.
Le Fiamme gialle nei primi sette mesi dell'anno hanno scovato 1.999 falsi poveri che avevano un aiuto sociale dallo Stato e altri 750 che non pagavano il ticket pur dovendolo fare. Sono cifre impressionanti proiettate su range nazionale: ogni anno, tra visite e ricette, leprestazioni sanitarie esenti dal ticket sono 67 milioni. Per non parlare del capitolo welfare, per il quale l'Italia spende una cifra pari ad un quinto del Pil, la ricchezza che produciamo.
A volte poi si scoprono casi davvero eclatanti, come i 15 piloti d'aereo che a Verona continuavano a prendere l'assegno per la cassa integrazione anche se lavoravano in nero per una compagnia straniera.
Ma c'è anche il sistema di regole che agevola un potenziale disonesto. Prendiamo l'Isee, l'indicatore della situazione economica equivalente, è uno strumento che misura la ricchezza complessiva famigliare e serve da discriminante per le agevolazioni. Ma si basa su un'autocertificazione: al momento di compilare il modulo l'80% degli italiani dice di non avere un conto in banca, con punte del 96% al Sud.
Può essere possibile secondo voi?

Paolo Pradolin
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[23/08/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor