19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Le prime telefonate di Schettino: «Ho preso uno scogliettino…»

HomeCronacaLe prime telefonate di Schettino: «Ho preso uno scogliettino...»

naufragio costa concordia comandante schettino

Ieri, nella giornata di deposizione del capo dell’unità di crisi di Costa Crociere, Roberto Ferrarini al processo contro il comandante Francesco Schettino per il naufragio della Costa Concordia, ci sarebbe stato pure da sorridere se l’argomento non fosse stato così drammatico.

Nell’udienza sono state fatte sentire le telefonate di Schettino, dopo l’impatto, in cui il comandante parla di «scoglietto», evidentemente per tentativo goffo di sminuire la cosa, e di «basso fondale» colpito.

Dalle parole del capo dell’unità di crisi di Costa Crociere, Roberto Ferrarini, si intuisce la volontà di Schettino di nascondere l’entità del danno fino a quando possibile.
«Dal tono del comandante Francesco Schettino» in una telefonata «ho percepito che era ragionevolmente sereno e che avesse la situazione sotto controllo, pur nella drammaticità della situazione. Anche per questo gli lasciai autonomia».

«Nella terza telefonata il comandante mi dice che la nave non andava a fondo, nella quarta la percezione è che aveva informazioni frammentarie, e che in qualche modo doveva avere sempre conferma dai suoi ufficiali» delle avarie.

Poi le bugie, conferma Ferrarini: «Schettino mi propose di dire alle autorità che a causa di un blackout aveva fatto una collisione. Ma io dissentii, mi arrabbiai. Era una cosa differente e falsa rispetto a quanto mi aveva raccontato prima, e cioè che aveva urtato uno scoglio e la nave si era allagata».

Redazione

[15/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.