20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Le due ‘buranelle’ scomparse, Dna sotto lente d’ingrandimento

HomeLido di VeneziaLe due 'buranelle' scomparse, Dna sotto lente d'ingrandimento

paola costantini rosalia molin due buranelle scomparse

Delle due buranelle scomparse, Paola Costantini e la nipote Rosalia Molin, di 29 e 25 anni, si era occupata anche la trasmissione tv “Chi l’ha visto”, addirittura, ultimamente, indicando una possibile svolta grazie ad un supertestimone che sarebbe emerso.
Le due buranelle scomparse – come ormai vengono ricordate da tutti – invece, a tutt’oggi sembrano sparite nel nulla e le indagini, dal 1991, non hanno mai rivelato risvolti decisivi.

Si apprende ora però che il giudice per le indagini preliminari avrebbe autorizzato un’analisi del Dna su alcuni oggetti trovati in questi ultimi mesi.
Correlata all’analisi vi sarebbe l’iscrizione nel registro degli indagati di un nome, quello di Nicola Alessandro, che l’Ansa ha indicato come il fidanzato dell’epoca di una di loro.
Nicola Alessandro, potrebbe quindi essere indagato ora per duplice omicidio ed occultamento di cadavere.

Le due buranelle scomparse, Paola Costantini e la nipote Rosalia Molin, il giorno 27 ottobre 1991 sono scese dal vaporetto a Treporti – Ricevitoria lasciando detto che sarebbero andate a Jesolo per vedere un film al cinema. Non hanno più fatto ritorno a casa e di loro non si è saputo più nulla nonostante anni di indagini e di ricerche affidate alla squadra mobile.

Paolo Pradolin

18/09/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.