24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Laguna di Venezia ancora inquinata, lo rivelano i dati Arpav

HomeNotizie Venezia e MestreLaguna di Venezia ancora inquinata, lo rivelano i dati Arpav

laguna con montagne sullo sfondo

La laguna di Venezia è ancora inquinata. A rivelarlo sono stati i dati Arpav e del Magistrato delle Acque, consegnati in questi giorni alla Regione.

Sono stati monitorati gli stati di salute della fauna lagunare, come pesci, molluschi e anche della flora con le sue piante e alghe. I risultati hanno portato a galla un’amara realtà.

In particolar modo, risulta scarso lo stato ecologico di alcune zone come quelle di Dese, Val di Brenta, Marghera, Teneri, Millecampi Teneri e Tessera.

I test compiuti nel 2011 hanno rilevato il livello di tossicità di un certo tipo di crostaceo, il Corophium orientale, utilizzato proprio come metro indicatore dello stato di salute dell’acque. Esso ha rilevato lo stato, non proprio in salute di alcune aree lagunari come San Giacomo, Lazzaretto Vecchio, San Pietro in Volte, e, addirittura di Rialto.

La tossicità di quest’ultima zona è stata confermata anche da altri animali e piante, e comprende altre aree del veneziano come Ponte della Libertà, Campalto, Vignole, Palude di Bruano, Sacca Sessola ecc…

Anche se un risultato positivo, secondo Arpav, ci sarebbe: nonostante il superamento dell’oltre 20% di sostanze inquinanti nell’acqua, lo stato chimico complessivo sarebbe buono in tutta la laguna.

Sara P.

[12/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.