25.1 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Ladri di biciclette in viale San Marco, e i ragazzi si trasformano in investigatori

HomeMestre e terrafermaLadri di biciclette in viale San Marco, e i ragazzi si trasformano in investigatori

polizia intervento notte

La scorsa notte, due Volanti della Questura di Venezia hanno proceduto all’arresto di un cittadino ucraino grazie alla collaborazione di quattro giovani cittadini. I quattro, infatti, durante la classica serata tra amici, hanno notato due individui che con una grossa trancia stavano cercando di forzare i lucchetti di quattro biciclette parcheggiate in viale San Marco (direzione della rotatoria di San Giuliano).

Decisi a non lasciare impuniti i delinquenti, i ragazzi, a bordo della propria autovettura, hanno deciso quindi di seguire uno dei due senza perderlo mai di vista. La Sala Operativa della Questura inviava subito dopo due Volanti sul luogo perfettamente indicato dai ragazzi.

Giunti celermente nei pressi dell’intersezione di viale San Marco con la rotonda San Giuliano, gli operatori notavano i ragazzi segnalanti, i quali indicavano l’uomo da loro seguito. Il soggetto che corrispondeva alle descrizioni fornite, veniva prontamente bloccato e identificato: R. Oleg, nato nel 1977 in Ucraina, lì residente ma di fatto in Italia senza fissa dimora e con precedenti per i reati di furto e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

Subito dopo aver sottoposto a controllo il soggetto, i testimoni riferivano che l’uomo nell’allontanarsi si sbarazzava di una borsa indicando il luogo preciso. Gli agenti quindi rinvenivano sul prato adiacente alla pista ciclabile di viale San Marco una borsa contenente numerosi arnesi da scasso.

Le biciclette, oggetto del tentativo di furto, si trovavano invece posteggiate in un vialetto che da Quartiere San Teodoro si affaccia in Viale San Marco: tutte risultavano assicurate con i relativi lucchetti, ma una in particolare presentava nella catena una scalfittura compatibile con il becco della tronchese.

Lo straniero veniva quindi tratto in arresto per il reato di tentato furto aggravato in concorso, nonché indagato in stato di libertà per il reato di possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli e immigrazione clandestina.

Redazione

[28/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.