7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

La Roma non conosce sconfitta. Napoli e Juventus tengono il passo di rigore. Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliLa Roma non conosce sconfitta. Napoli e Juventus tengono il passo di rigore. Di Mattia Cagalli
la notizia dopo la pubblicità

cassano calcio parma campionato

Si è conclusa anche la nona giornata e il campionato prosegue sulla stessa linea. Nessun colpo di scena o risultato clamoroso, tutto fila liscio in testa e anche in coda.

La Roma ne fa nove, ennesima vittoria e ventisette punti. Gli ultimi tre guadagnati con un po’ di fortuna (due pali dell’Udinese) ma anche caparbietà visto che nonostante le assenze di Totti, Gervinho e l’espulsione di Maicon, ha trovato il goal. Uno a zero e primato solitario.

Al momento sembra davvero che niente e nessuno possa arrestare la squadra giallorossa e le prossime tre giornate la vedranno sfidarsi con Chievo, Torino e Sassuolo. Partite che potrebbero far cominciare la fuga vera e propria.

Alle spalle il Napoli vince di rigore contro il Torino (il primo netto, il secondo inesistente) e continua a sperare in un passo falso ai piani alti per raggiungere il primo posto.
Al momento i partenopei stanno lottando con la Juventus per la seconda piazza.

Conte la cui squadra sblocca la partita con il Genoa con il rigore generoso di turno, si ostina a fare il Mourinho (ma senza stile).
Si lamenta, sostiene che dall’esterno vogliono destabilizzare l’ambiente bianconero solamente perché le voci dicono che non sarà più l’allenatore della Juventus il prossimo anno.

Non mi sembra l’unico, anche Allegri non è mai confermato al Milan e come loro tutti gli altri; solo Guidolin è praticamente l’unico saldamente attaccato alla panchina.
Quindi che la finisca di piangere e si renda conto che fare la prima donna non è utile alla sua squadra che resta comunque una delle più forti in Italia… per l’Europa è un’altra storia.

L’Inter riconquista il quarto posto e nonostante i quattro goals all’Hellas Verona il risultato non deve ingannare.

Delle quattro reti, almeno tre sono stati regali della difesa scaligera e quella neroazzurra non è altrettanto solida. Ha subito due reti, anzi tre (se l’arbitro non annullava il terzo per chissà quale fallo) e ha rischiato più volte.
Resta comunque che Mazzarri ha trasformato in giocatori degli individui che lo scorso anno non erano degni nemmeno di scendere nei campetti di periferia.

Il Milan ormai è qualcosa di quasi incommentabile, ha illuso i propri tifosi con una vittoria striminzita sull’Udinese e un pareggio strappato al Barcellona ma è prontamente tornato ai propri standard annuali.
Sotto due a zero e con una linea difensiva da viva il parroco, ha più volte meritato di subire la terza rete ma ha miracolosamente pareggiato.
Alle volte però il calcio è uno sport giusto e il Parma vince al novantaquattresimo minuto grazie a una punizione di Parolo.

Cassano con un gol e una buona partita ha dimostrato ancora una volta che la provincia è il suo ambiente ideale e che se si lamentasse meno e ragionasse di più, forse Prandelli lo terrebbe in considerazione.

A proposito, per il Milan c’erano due rigori netti, chissà perché il direttore generale del Parma Leonardi non è andato a lamentarsi e piangere in Tv come domenica scorsa.

La Fiorentina dopo l’apoteosi del quattro a due con la Juventus, vince ancora in casa del Chievo. Forse non vincerà lo scudetto ma a Firenze si stanno decisamente divertendo e quando tornerà Gomez…

Nelle zone basse della classifica spicca solamente la vittoria del Bologna. Crespo salva Pioli almeno per un’altra settimana.

Il Chievo senza nerbo, gioco e giocatori degni di questo nome, subisce l’ennesima sconfitta senza lottare veramente.

Sassuolo e Catania incappano nel risultato più scontato, zero a zero che accontenta tutti e nessuno.

La cura Gasperini è inutile e il Genoa non riesce a ingranare davvero, perdendo anche con una Lazio, forse ritrovata. E mercoledì si torna in campo.

Mattia Cagalli

[28/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...
spot

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...
Advertisements

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...