LA MORTE DI SIMONCELLI | Un anno senza Sic

ultimo aggiornamento: 10/10/2012 ore 22:00

197

Un anno senza Sic. Un anno senza quella chioma di capelli rossicci che a malapena entravano dentro il casco di gara e che imperversava sui circuiti della MotoGp. Ci manca Marco Simoncelli, manca a tutto il movimento dei bolidi delle due ruote, ma manca, forse e soprattutto, allo sport, quello pulito, quello sano, quello in cui si lotta, ci si scontra, ci si sfida ma alla fine si è sempre amici.E’ stato fatto tanto perché la memoria e il ricordo di quel ragazzo romagnolo non venisse sbiadita. E il Sic, oggi, è presente più che mai.
E’ sempre nel cuore e sul casco di Valentino Rossi, è sempre ricordato con il numero 58 della sua moto in ogni circuito. A Sepang, nell’ultimo gran premio della MotoGp in tribuna è comparso uno striscione che recitava così: “Scendi Sic che la piada è pronta”. Eccolo il mondo e il popolo che seguiva e tifava per Marco Simoncelli, quello che ama scherzare ma che sa commuoversi, che si mette in gioco e non dimentica, che dà  tutto e va al limite. Come in quel tragico incidente di un anno fa quando la moto numero 58 con Sic in sella è scivolata ed è stata travolta uccidendo il giovane pilota italiano.

Il mondo che ama il Sic è fatto di sportivi che stanno stabilmente sulle prime pagine dei giornali ma soprattutto di tanta gente comune, di ogni parte d’Italia e del mondo, che ha amato il Sic pilota, il Sic ragazzone, il Sic lottatore. E’ il mondo reale, di ogni giorno che non si dimentica di un amico,magari mai conosciuto, ma di cui aveva stima e simpatia.

La pagina Facebook ufficiale di Sic raccoglie oltre un milione di “mi piace”. Bazzecole, potrebbe pensare qualcuno, numeri, ma forse cliccare su quel quadratino è anche un modo che tanti, tantissimi, da tutto il mondo hanno avuto e sfruttato per dire che quel pilota non lo volevano dimenticare e gli manca e gli mancherà  tanto, tantissimo.

Il viaggio nei circuiti senza pit stop e ripartenze continua nel cielo per il Sic. Quel numero 58 non smette di apparire e di ricordare e far ricordare. E, per tutti, è un bell’esercizio di memoria.

Lucio Saro
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[24/10/2012]


titolo: LA MORTE DI SIMONCELLI | Un anno senza Sic
foto: MARCO SIMONCELLI (REPERTORIO)


Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here