6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

La legge di stabilità punisce ancora una volta il Veneto senza logica alcuna

HomeLettereLa legge di stabilità punisce ancora una volta il Veneto senza logica alcuna
la notizia dopo la pubblicità

roberto ciambetti regione veneto

Tra le pieghe della Legge di stabilità presentata dal governo Letta emerge un accanimento incomprensibile verso il Veneto: in una Regione che vanta un residuo fiscale di ben 21 miliardi, con i cittadini che mediamente versano tutti allo stato circa 4 mila e 200 euro in più all’anno di quanto non ricevano, lo stato impone un tetto alla spesa pubblica degli enti locali di 312,14 € pro-capite, la cifra più bassa assieme a quella della Lombardia (311,93 €) imposta dal governo al decentramento.

Non parliamo di soldi che attendiamo da Roma o di introiti aggiuntivi: parliamo di soldi che i cittadini ci hanno già dato e che, nel caso del Veneto, giacciono nelle casse pubbliche, accentrate a Roma, inutilizzati e inutilizzabili. Non parliamo dunque neanche di risorse frutto di indebitamento, che andrebbero a peggiorare il dato complessivo del sistema Paese, ma di fondi bloccati: non occorre scomodare Keynes, ma semplicemente applicare il buon senso, virtù rara. Il Veneto potrebbe mettere in campo centiniaia di milioni oggi fermi e non a causa di direttive europee. Chi dice che il Patto, come viene applicato in Italia, è stato imposto da Bruxelles dice una cosa sbagliata. Si tratta di una scelta italiana, con parametri decisi dall’Italia.

Il tetto 2014 è stato posto dal Governo con le norme della legge di Stabilità e ciò significa che il governo dapprima, ma anche il Parlamento che quella legge dovrà approvare, si assumono la responsabilità di una scelta scandalosa, visto che il cittadino veneto si vede riconosciuto una capacità di spesa inferiore del 18.84 per cento rispetto al cittadino medio nazionale, mentre siamo ben lontani dal tetto previsto per i lucani, 933.23 € pro-capite, i molisani, 833.48 €, o gli Umbri, 620.46 €.

Rammento che in Veneto la spesa pubblica complessiva al lordo degli interessi sul debito è la più bassa in assoluto in Italia, con 7.934 € pro-capite contro una media nazionale di 9.357 € per cittadino: insomma non solo siamo la Regione dove la spesa pubblica è la più bassa, inferiore del 15.21 % rispetto alla media nazionale, ma anche quella in cui lo stato impone agli enti locali il tetto più basso di spesa. Bechi e bastonà.

Da sole queste cifre mandano a gambe all’aria il principio dell’uguaglianza che, sancito dall’art.3 della Costituzione Italiana, vieta ingiustificate disparità di trattamento tra cittadini. In teoria al cittadino italiano, veneto compreso, viene garantita dalla Costituzione l’eguaglianza non solo formale ma anche sostanziale e c’è un evidente contrasto tra questa previsione e l’enormità del pochissimo che viene permesso all’ente pubblico in Veneto rispetto alla media Italiana.

Non siamo gli unici a vivere questa contraddizione. Il Tetto punisce in maniera incomprensibile anche realtà che stanno affrontando un lungo processo di risanamento, come nel caso della Puglia per la quale il governo propone un obiettivo di 322.22 € pro-capite, anche qui lontanissimi dalla media nazionale: il presidente Vendola ha tutte le ragioni per protestare. Si scrive Patto di stabilità, si legge Patto di Iniquità.

L’estate scorsa, in sede di Conferenza delle Regioni, tentai di bloccare una ripartizione ingiusta e punitiva del Patto; ho segnalato alla più alte cariche dello stato l’iniquità della situazione e la pericolosità nell’imporre vincoli di spesa che non hanno giustificazione.

Insomma, non da oggi, come Veneto, ci stiamo battendo per rivedere questa assurdità; forse è il caso che i nostri parlamentari, eletti per rappresentare gli interessi dei cittadini, analizzando i vari articoli della legge di Stabilità, smettendo le magliette della corrente di appartenenza nelle rispettive forze politiche, facciano per una volta un gioco di squadra indossando la maglia del Veneto.

Ciascuno faccia la sua parte.

Roberto Ciambetti
Assessore al Bilancio e agli Enti Locali
Regione del Veneto

[27/10/2013]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.