26.2 C
Venezia
martedì 28 Settembre 2021

LA CRISI | Stipendi sempre più poveri

HomeNotizie NazionaliLA CRISI | Stipendi sempre più poveri

NOTIZIE ITALIANE | Salari, retribuzioni e, di conseguenza, stipendiati, in Italia sono sempre più poveri. Tra il 2011 e il 2012, gli stipendi reali, quindi al netto dell’inflazione, hanno perso l’1,9 per cento, scendendo in media per unità  di lavoro dipendente da 25.130 euro a 24.644 euro, quasi 500 euro in meno nelle tasche dei dipendenti in un anno. Se a questo sommiamo gli aumenti del costo della vita abbiamo la reale percezione del benessere 'medio' nel nostro Paese.
I numeri appartengono alla Relazione annuale di Bankitalia, secondo le quali il calo più evidente è quello che riguarda le retribuzioni dei dipendenti della pubblica amministrazione,che sono passate da 31.964 a 30.765, che quindi perdono 1.200 euro a causa principalmente del blocco dei contratti.

Nella pubblica amministrazione, inoltre, è in atto il blocco del turn over. Fino al 2014, è possibile assumere al massimo il 20 per cento delle persone che escono dal lavoro, sia in termini di lavoratori che di spesa, oltre a quello dei rinnovi dei contratti e quindi del recupero dell’inflazione.

L’arretramento degli stipendi reali, al netto dell’inflazione, è una drammatica realtà  che aggrava la crisi economica e frena la ripresa e la crescita. Anche perché, da uno studio della Cgil risulta che se pure l’Italia riuscisse, come in molti annunciano, a intercettare la ripresa economica che sarebbe prevista per il prossimo anno, non riuscirebbe comunque «mai» a far fare un balzo in avanti ai salari, ovvero, non si recupererebbero i soldi perduti in questi pochi anni: in confronto con l’inflazione effettiva, cioè il deflatore dei consumi, la variazione è ancora negativa nel 2014.

Mario Nascimbeni
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[09/06/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor