martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

'ISOLA DI SAN GIORGIO' DI CADORIN RITORNA AL SUO POSTO GRAZIE ALLA GDF

HomeVenezia città'ISOLA DI SAN GIORGIO' DI CADORIN RITORNA AL SUO POSTO GRAZIE ALLA GDF

VENEZIA | Il bidello lo aveva rubato e ricettato. Ora il quadro ad olio su tela a firma dell’artista Guido Cadorin “Isola di San Giorgio del 1951” ritorna al suo posto, all’Istituto Professionale Nautico Venier Cini. A riconsegnarlo alla scuola veneziana è stato il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza a conclusione di un’indagine che ha portato le Fiamme Gialle a contatto con associazioni, fondazioni, archivi ed artisti impegnati nella produzione e tutela del mondo dell’arte.
Il quadro, raffigurante alcuni giovani marinai in Riva degli Schiavoni davanti al bacino di San Marco e sullo sfondo l’isola di San Giorgio, fuesposto nel 1952 alla Biennale di Venezia e poi acquistato dal Conte Vittorio Cini. Quest’ultimo lo donò all’omonimo convitto, da lui creato per ospitare gli orfani del mare che frequentavano l’Istituto Professionale Nautico, ove rimase seguendo gli spostamenti del convitto, finché non se ne persero le tracce. Non essendo mai stato catalogato, nessuno si era accorto della sua sparizione fino all’intervento dei finanzieri.

Le Fiamme Gialle hanno ricostruito i numerosi passaggi di proprietà  del dipinto fino ad arrivare all’ultimo acquirente che, ignaro della provenienza illegale dell’opera, era già  pronto a rivenderla attraverso gallerie d’arte, con una stima potenziale del valore dell’opera di circa trentamila euro.
I finanzieri hanno sequestrato il dipinto e identificato tutti i soggetti che nel tempo avevano trattato l’opera, appurando che il dipinto era stato per lungo tempo proposto sul mercato antiquario padovano, ma tutti i commercianti avevano rifiutato l’acquisto, proprio per mancanza di rassicurazioni sulla sua lecita provenienza.

Le indagini hanno permesso di individuare l’artefice del furto in un bidello dello stesso istituto Venier Cini, che l’aveva occultato durante uno dei trasferimenti di sede dell’Istituto e in seguito, insieme ad un socio che si era occupato della ricettazione, l’aveva piazzato nel mercato non ufficiale. Entrambi, assidui frequentatori dei mercatini di antiquariato del Veneto, sono stati denunciati a piede libero per i reati di furto aggravato e ricettazione di un bene appartenente allo Stato.

Roberto Dal Maschio
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[18/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...