lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

Inter sotto accertamenti, ecco quello che cerca la Guardia di Finanza

HomeInterInter sotto accertamenti, ecco quello che cerca la Guardia di Finanza

Inter sotto accertamenti, la società: “Nessun indagato”, ma da dove nasce tutto questo clamore?
I giochi si sono aperti con la Procura di Torino, che indaga sulla Juventus.
Ora si muove anche quella di Milano che da qualche giorno ha aperto un’inchiesta per falso in bilancio a carico di ignoti con al centro circa 100 milioni di plusvalenze realizzate dall’Inter in due anni.

Mercoledì mattina, infatti, su delega dei pm Giovanna Cavalleri e Giovanni Polizzi e del procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, i militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf di Milano si sono recati nelle sedi del club nerazzurro e della Lega Calcio serie A per acquisire le carte. Documenti, tra cui bilanci, contratti e movimenti bancari, che riguardano le cessioni e gli scambi da parte della società del magnate cinese Steven Zhang “dei diritti pluriennali sulle prestazioni di taluni calciatori”, come ha spiegato in una nota il procuratore facente funzione Riccardo Targetti, relativi agli esercizi di bilancio 2017-2018 e 2018-2019.

Si vuole “verificare la regolarità della contabilizzazione delle relative plusvalenze” registrate con le operazioni di compravendita, scambio e prestito di una decina di giocatori di fascia medio-bassa, alcuni anche della Primavera.
Tra questi atleti il portiere romeno Ionut Radu e l’attaccante Andrea Pinamonti ‘rimbalzati’ tra Genoa e Inter, ma anche il difensore Zinho Vanheusden.

“I bilanci della società sono redatti nel rispetto dei più rigorosi principi contabili”, assicura con un comunicato stampa il club, confermando di aver fornito la documentazione.
“Nessun tesserato dell’Inter è indagato”, si legge ancora e “nessuna contestazione è stata formalizzata” in quanto “si tratta di indagini preliminari”.
Fonti vicine alla società, poi, fanno notare che da parte del club c’è ‘massima serenità’ e che da parte della gdf non c’è stata alcuna perquisizione ma solo una acquisizione documentale, durata circa tre ore.

Viene inoltre sottolineata la particolarità legata ad una operazione tra quelle per cui sono stati raccolti dati, ovverosia la cessione di Nicolò Zaniolo alla Roma, che va di fatto in direzione opposta: venduto ai giallorossi per 4 milioni nell’ operazione che ha portato Radja Nainggolan in nerazzurro, il giovane trequartista dopo soli pochi mesi valeva dieci volte tanto. Per il resto, si tratta, secondo le stesse fonti, di normali operazioni di mercato.

La nuova indagine, ancora alle battute iniziali, è nata autonomamente e qualche tempo dopo rispetto a quella torinese. Le prime verifiche dalle cosiddette fonti aperte sono state effettuate sulle due squadre milanesi dalle Fiamme Gialle che hanno depositato una relazione ai pm il 9 dicembre: mentre per il Milan non è venuta a galla alcuna sospetta anomalia, per l’Inter sono emerse “criticità” su cui si è deciso di accendere un faro, in particolare su una decina di operazioni di cui è stato redatto un elenco preciso.

I pm Cavalleri e Polizzi puntano a verificare se tra il 2017 e il 2019, anni in cui le plusvalenze hanno inciso fino al 10% dei ricavi, siano state effettuate vendite ‘gonfiate’, ossia con i valori dei calciatori ceduti o scambiati ‘pompati’ per truccare i bilanci e aumentare le entrate. Con una presunta “window dressing”, un’alterazione dei rendiconti utile a fornire una migliore apparenza della situazione societaria. Una sospetta “cosmesi” che potrebbe essere servita – è l’ipotesi tutta da accertare e che si evince dall’ordine di esibizione atti – con lo scopo di “rispettare i parametri del ‘fair play’ finanziario” per partecipare alle competizioni europee.

In passato, la Procura milanese aveva già indagato sulle plusvalenze di Inter e Milan ottenendo però, nel 2008, il proscioglimento da parte del gup di due dirigenti nerazzurri dell’epoca Rinaldo Ghelfi e Mauro Gambaro e dell’allora ad e vicepresidente vicario rossonero, Adriano Galliani. E un altro fascicolo era spuntato pure nel 2018 sempre a carico di Galliani e dell’allora presidente dell’Inter Eric Thohir. In queste indagini, uno dei punti nodali resta sempre la difficoltà di riuscire a fissare criteri precisi con cui stabilire i valori dei calciatori. L’inchiesta sulle plusvalenze si aggiunge a quella, emersa nelle scorse settimane, con al centro una presunta frode fiscale che potrebbe sfiorare i 60-70 milioni di euro, cifra non dichiarata al fisco e derivata dai compensi sui contratti di compravendita, rinnovo, prestito dei calciatori trattati da Fali Ramadani, procuratore macedone, tra i 5 più potenti al mondo, indagato assieme all’agente sportivo Pietro Chiodi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...