0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

‘Insegui la tua stella’, non esiste un età per sentirsi vivi

HomeLibri, recensioni e nuove uscite'Insegui la tua stella', non esiste un età per sentirsi vivi
la notizia dopo la pubblicità

Una commedia frizzante, piena di buon umore e tanto tanto amore di tutti i tipi. Questi gli ingredienti che rendono ‘Insegui la tua stella‘ di Asa Hellberg, un libro avvincente, divertente e romantico, da cui ci si fatica a distaccare.

Sonja, affetta da mal di cuore, muore davanti ad un centro commerciale. Quando le sue tre amiche del cuore, Rebecka, Susanne e Maggan lo vengono a sapere, non hanno nemmeno tempo di accusare il lutto. La donna, infatti, ha lasciato loro una sorpresa: sono eredi di una strabiliante fortuna. Per entrarne in possesso, però, dovranno mollare i loro attuali lavori e trasferirsi in tre località europee diverse dove dovranno portare a termine una missione che cambierà per sempre le loro esistenze.

‘Credo di aver capito solo quest’anno cosa significhi l’amicizia: non c’è nulla che non farei per voi due’ ‘Nei secoli dei secoli, amen’. Ed è così che le tre protagoniste Rebecka, Susanne e Maggan, dopo solo poche pagine, diventano anche nostre amiche, delle compagne di avventure, che girano l’Europa e che devono confrontarsi con i demoni del loro passato e presente, che non ci abbandonano mai, nemmeno quando ormai siamo adulti.

Un Sex & City in salsa svedese con personaggi che hanno da molto passato i famosi ‘anta’, ma che non per questo non riescono ad appassionare lettori anche più giovani, che, volenti o nolenti, si ritrovano ad immedesimarsi.

Hellberg, infatti, è intelligente nel sapere che le paure, gli amori e le amicizie non cambiano durante gli anni, che sono gli stessi, forse gli affrontiamo in maniera diversa, con più consapevolezza, ma loro, i demoni interiori, non cambiano.

Così ‘Insegui la tua stella’ si trasforma in un romanzo universale, che mette al primo posto uno dei valori più sottovalutati degli ultimi anni, l’amicizia, insegnandoci ad apprezzarla veramente, a migliorare anche noi stessi imparando da queste tre grandi donne che, con le cicatrici nel cuore, non si sono mai davvero arrese proprio grazie alla compagnia che si sono fatte a vicenda. Mai una parola di rimprovero tra di loro, mai un ‘te l’avevo detto’, solo conforto, aiuto, una casa che va al di là delle pareti reali che si trovano a costruire nelle loro città, e che ha la sua residenza in un unico cuore che condividono.

Hellberg poi pone l’accento sulla distanza, da sempre artefice di distacchi e relazioni che si frantumano. Qui, invece, nonostante le tre si trovino una a Parigi, una a Londra e l’altra a Maiorca, sono più vicine di quando vivevano tutte in Svezia. Non ci sono km che permettano loro di allontanarsi, anzi.

L’amore, di qualsiasi tipo, è palpabile fin dalle prime pagine e il lettore viene avvolto in un’atmosfera di rara positività con la voglia di guardarsi attorno e amare ogni piccola cosa: dalla propria casa, alle proprie passioni, alla propria metà, fino ai propri amici e alla famiglia.

‘Insegui la tua stella’ vi trasporterà sull’onda dell’emozione a conoscere la vita di tre non più giovani donne, ma che vivono la vita e le emozioni delle ventenni, perché non esiste un’età per sentirsi finalmente vivi e questo libro lo insegna bene.

[05/04/2014]

Riproduzione vietata

Insegui la tua stella Asa Hellberg

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013