15.2 C
Venezia
mercoledì 22 Settembre 2021

Insegnante di Padova esasperata va a casa dell’uomo che la perseguita e spara due colpi di pistola

HomeNotizie VenetoInsegnante di Padova esasperata va a casa dell'uomo che la perseguita e spara due colpi di pistola

permesso soggiorno venduto polizia

Improvvisamente il silenzio viene rotto da due boati, due colpi esplosi venerdì pomeriggio attorno alle 16 sul portone d’ingresso di una delle sei abitazioni di via Romana Aponense 21 a Padova.

Chi ha sparato è una donna esasperata che aveva dovuto cambiare casa per ben due volte per colpa di un uomo, un vicino che, senza un motivo apparente, l’aveva presa di mira senza far passare giorno senza darle fastidio.

L’uomo, un 54enne imbianchino con precedenti alle spalle, venerdì mattina le aveva rigato la macchina per l’ennesima volta, e la donna, Michela, 51 anni, insegnante in un istituto professionale di Padova, stavolta è andata in tilt, ha tirato fuori dal cassetto una pistola americana a tamburo calibro 22, forse importata dal padre negli anni ’60, l’ha caricata con due proiettili ed ha raggiunto quella che una volta era casa sua. E’ salita fino all’appartamento dove abita l’uomo e lì ha sparato i due colpi sulla porta.

E’ arrivata la polizia e l’ha arrestata ponendola agli arresti domiciliari con le accuse di detenzione e porto d’armi da sparo non denunciata, danneggiamenti ed esplosione di colpi d’arma da fuoco.

Ma i colpi sparati da Michela sono solo l’apice di una storia che comincia molto tempo fa, che ha visto anche una condanna a 1 anno e 4 mesi per Stalking colpire l’uomo. La vittima? Proprio quella Michela che lui aveva deciso di perseguitare fin dal 1999 seguendola ovunque. Il tutto condito da porte spaccate, macchine rigate, insulti e minacce (anche di morte) che due anni fa convincono la donna ad abbandonare la casa. Lui però non smette e la segue anche nella nuova vita in barba al divieto di avvicinamento.

La storia conta ben 14 denunce, in un caso lei e il marito vengono anche picchiati. La donna si trasferisce nuovamente, stavolta più distante, dall’altra parte della città. Ma non era ancora finita, venerdì mattina la macchina rigata e gli spari di lei sono l’ultimo atto.

Redazione

[29/12/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor