venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

IMU E TARES | Un salasso in arrivo

HomeNORDIMU E TARES | Un salasso in arrivo

NOTIZIE MESTRE | Imu e Tares, gli aumenti di imposta rispetto al 2012 si annunciano molto pesanti: l’aggravio oscillerà  tra i 459 e i 623 euro per un capannone di 500 mq; tra i 998 e i 1.444 euro per uno di 1.000 mq; tra i 1.877 e i 2.591 euro nel caso di un fabbricato di 2.000 mq. Il dato, fornito dalla Cgia di Mestre è stato calcolato considerando il previsto rincaro dell’Imu sui capannoni e l’introduzione della Tares.
Nel 2013 l’Imu sui capannoni sarà  più “gravosa” anche nel caso in cui l’aliquota rimanga quella applicata nel 2012, in quanto il coefficiente moltiplicatore utilizzato per la determinazione della base imponibile passerà  da 60 a 65. In questa analisi sono state fatte due ipotesi. La prima: viene utilizzata l’aliquota media nazionale applicata nel 2012 (9,5 per mille). La seconda: viene utilizzata l’aliquota massima applicabile (10,6 per mille). Con l’introduzione della Tares, invece, l’aumento di questa tassa sui capannoni dovrebbe essere superiore, rispetto a quanto pagato l’anno scorso, del 15,5%. Questa percentuale corrisponde all’incremento del gettito medio nazionale necessario per coprire i costi totali del servizio di asporto e smaltimento dei rifiuti, condizione prevista dall’introduzione della Tares.

«La situazione diventa ancor più preoccupante se osserviamo gli aumenti di imposta che si verificheranno quest’anno rispetto al 2011, anno in cui si applicava ancora l’Ici» aggiunge il Centro Studi della Cgia. Per il capannone da 500 mq l’aggravio (a seconda dell’aliquota applicata) varia tra i 1.409 e i 1.572 euro; per un capannone di 1.000 mq l’aumento va da 3.288 e 3.734 euro; infine, per un fabbricato da 2.000 mq l’incremento varia tra i 5.870 e i 6.583 euro.

«Siamo tutti d’accordo che l’Imu sulla prima casa deve essere abolita o sensibilmente ridotta – esordisce Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre – ma è altrettanto necessario che venga scongiurato l’aumento del coefficiente moltiplicatore sui capannoni, altrimenti l’effetto combinato con la Tares provocherà  un incremento di imposta difficilmente sostenibile. Se si continua ad aumentare sensibilmente il livello di tassazione sulle imprese non si può pretendere che queste rimangano competitive e riescano a creare nuovi posti di lavoro. Anzi, il pericolo è che la situazione peggiori ulteriormente, visto che con l’aumento dell’Iva dal 21 al 22% i consumi subiranno un’ulteriore contrazione».

Lucio Saro
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[29/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...