7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Il Teatro La Fenice premia Chiara Farnea: apologia della cultura contro la violenza sulle donne

HomeNotizie Venezia e MestreIl Teatro La Fenice premia Chiara Farnea: apologia della cultura contro la violenza sulle donne
la notizia dopo la pubblicità

Sabato 26 ottobre alle ore 15.00 al Teatro La Fenice è stata premiata Chiara Farnea, autrice del miglior messaggio pervenuto ai social network del teatro nell’ambito della campagna Effetto Carmen. La Fenice per la libertà di ogni donna contro tutte le violenze.

Il messaggio premiato concepito da Chiara era:
CARMEN – C conoscenza A autonomia R ispetto M emoria E educazione N nonviolenza

Il Sovrintendente Cristiano Chiarot ringraziando la vincitrice e tutte le donne che hanno supportato l¹iniziativa, ha ribadito il ruolo fondamentale della cultura nella lotta contro la violenza sulla donne e ha fatto omaggio a Chiara Farnea della spilla della Fenice in argento e smalto.

Ottavia Piccolo a nome di tutta la giuria ha avuto parole di elogio per l¹iniziativa del Teatro e ha consegnato alla premiata una maglietta e un cappellino della Fenice oltre ai due biglietti per l¹ultima replica di Carmen, diretta dal Maestro Omer Meir Wellber con la regia di Calixto Bieito.

Chiara Farnea ha ringraziato il Teatro La Fenice per aver promosso un’iniziativa così importante e ha spiegato «Come è saltato fuori Carmen non lo so, mi è venuto e basta, ma le parole che ho scelto invece vengono fuori direttamente dalle donne, in particolare da tutte quelle donne, da tutte quelle mamme che ho conosciuto in questi anni a Casa Famiglia San Pio X alla Giudecca. Sono delle donne coraggiosissime che, se aiutate, riescono a depositare un po¹ delle loro sofferenze e a fare passi da gigante perché diventano consapevoli che c¹è la possibilità di avere un’altra vita, che non esiste soltanto ciò che di terribile hanno dovuto subire fino a quel
momento».

Chiara Farnea, veneziana, coordinatrice del programma della Warwick University a Venezia, impegnata nel volontariato, da anni si dedica alle attività di Casa Famiglia San Pio X, che accoglie e offre assistenza a madri in difficoltà.

Redazione

[27/10/2013]

Riproduzione vietata

teatro fenice contro violenza donne

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.
spot

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...
Advertisements

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...