7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Il Quinto Potere, Assange e Wikileaks al cinema a ritmo serrato. Di Sara Prian

HomeCinema: news e recensioni di Sara PrianIl Quinto Potere, Assange e Wikileaks al cinema a ritmo serrato. Di Sara Prian
la notizia dopo la pubblicità

quinto potere film

Dopo il mezzo passo falso con “The Twilight Saga – Breaking Dawn”, Bill Condon torna con uno dei film più interessanti degli ultimi tempi sulla nascita di WikiLeaks e del suo fondatore Julian Assange, in una pellicola dal ritmo serrato che fa riflettere sul ruolo del giornalismo ai giorni nostri.

Julian Assange (Benedict Cumberbatch) e Daniel Berg (Daniel Bruhl) riescono a creare una piattaforma online dove gli informatori possono, in forma anonima, mandare notizie riservate facendo così emergere i luoghi oscuri dei segreti governativi e dei crimini commessi dalle aziende. Ma quando i due si troveranno davanti la più grande raccolta di informazioni riservate degli Stati Uniti si troveranno a dover affrontare opinioni divergenti.

“E’ moralmente etico e giusto professionalmente mettere online tutte le notizie così come arrivano, oppure bisogna pensare al prossimo e ritoccarle?” Questa è l’importante domanda che “Il quinto potere” di Condom si domanda attraverso la vita e le idee di Julian Assange.

Una pellicola che può essere perfettamente incasellata come ideale seguito di “Quarto potere” di Orson Welles e “Quinto potere” di Lumet, nel suo far riflettere sul ruolo della comunicazione nel 21esimo secolo.

Ora che tutti possono scrivere quello che vogliono online, attraverso i social network o altre piattaforme, esiste ancora la possibilità che i segreti rimangano tali? O basta che una persona, o un gruppo di persone, nascoste dietro pseudonimi e quindi maschere, mettano mano ad una tastiera per distruggere, in poco tempo la vita di moltissime persone?

Il tutto si costruisce attraverso una complessa rete di verità e falsità, dove gioca un ruolo cruciale il concetto d’identità. Ci sono mille volti e nessuno dietro alle “soffiate” che WikiLeaks riceve, un po’ come “In uno nessuno e centomila” Assange diventa il volto unico dalle mille facce, paladino di giustizia e verità per i popoli.

L’ Assange tratteggiato da Condom ed interpretato in maniera magistrale da Benedict “Sherlock” Cumberbatch, è una figura inquietante che pone lo spettatore a provare due differenti sensazioni. All’inizio si può appoggiare la sua idea di libertà di parola e la completa trasparenza della notizie, ma quando per la sua ostinazione rischiano di andarci di mezzo vite innocenti, a quel punto il pubblico si trova a riflettere sul ruolo dell’etica.

Con un ritmo serrato che non si vedeva dai tempi di “Argo” di Ben Affleck, “Il quinto potere” crea fisicamente il mondo di WikiLeaks, contemporaneamente innalzando Assange ad eroe per poi desacralizzarlo, lasciando allo spettatore la libertà di prendere una posizione su tutto quello che viene mostrato.

E allora, come si dice nel finale, se ognuno racconterà sempre la propria versione dei fatti dov’è la verità? Bisogna cercarsela da soli, studiare, leggere più fonti e crearsi la propria, non avendo paura di formarsi un’ idea. La libertà non sarà verità, ma è il primo tassello per avvicinarsi.

Sara Prian

[27/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".
spot

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...
Advertisements

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...