COMMENTA QUESTO FATTO
 

Come vedete dalle foto (ennesime) scattate l' 11/12/2012 mattina (5' di ritardo) e la stessa sera 11/12/2012(20' di ritardo), siamo sempre alle solite. L'11/12 di sera stavo per andare al lavoro e in stazione assieme ad altri lavoratori abbiamo trovato questa lieta sorpresa: 20' di ritardo (treno delle ore 19:26 per Venezia).
Naturalmente ciò ci crea uno stato d'ansia, dubbisull'arrivo di questi treni. Crederci in questi ritardi reali non e' facile. Normalmente aumentano, oppure vengono soppressi. Non si ha mai la sicurezza dell'arrivo in stazione del treno.

Non possiamo tutti i giorni avere dubbi sulla puntualita' e sull'arrivo del treno! Poi scatta quel meccanismo di telefonate al lavoro per avvisare i colleghi che forse arriviamo con 20/25' di ritardo, e se poi viene soppresso come gia' accaduto in passato? Anche in questi casi il rimedio sta nel prendere la propria auto e volare a Venezia!

ps:ho visto (oggi) che ci sono dei nuovi treni in arrivo: ma basteranno a soddisfare le esigenze dei pendolari del Veneto?
A mio modo di vedere quotidianamente, qua c'e' bisogno d'altro: dare nuovo volto alle stazioni dismesse, dagli annunci dei treni in arrivo falsi, dalle pensiline inesistenti nella stazione fs di Quarto d'Altino, dall'acqua infiltrante sui gradini e soffitto del sottopasso ferroviario (ci vogliono gli stivali), dalle linee gialle plastificate che si staccano adiacenti alle banchine, dalle biglietterie automatiche che danno biglietti solo con carta fedelta' o bancomat, dagli annunci fuori tempo e dai rumori pubblicitari che creano i monitor alla stazione fs di S.Lucia.
Naturalmente nel periodo estivo, dalle saune nei vagoni d'epoca e dai finestrini e porte che non si aprono per uscire o salire. Carrozze insufficienti nelle ore di punta degli scolari da e per Venezia. Mentre nel periodo carnevalesco (prossimo) salire sul treno per poter andare al lavoro diventa impossibile per la calca della gente, le carrozze come al solito sono insufficienti. Ci sarebbe altro da aggiungere, ma mi fermo qui.
Distinti saluti.

Membro Codacons/promotore comitato pendolari
Luciano Ferro
Quarto d'Altino

[15/12/2012]

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here