0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Il Mose, teatro dello scandalo, cos’è e come funziona

HomeNotizie Venezia e MestreIl Mose, teatro dello scandalo, cos'è e come funziona
la notizia dopo la pubblicità

maxi-inchiesta Mose Orsoni Galan Chisso

Un gioiello di ingegneria idraulica per difendere Venezia dall’acqua alta. È questo il Mose (acronimo di Modulo sperimentale elettromeccanico), sistema di barriere mobili fissato all’imbocco del porto della città lagunare, e per la cui costruzione – stando all’indagine della procura di Venezia – è stato messo su un giro di tangenti milionario.

I lavori della mastodontica opera sono iniziati nel maggio del 2012, e rientra in un piani generale di interventi previsti dal Ministero delle Infrastuttre per la città di Venezia, avviati dal concessionario Consorzio Venezia Nuova e non ancora terminati. Il consorzio è costituito da un gruppo di imprese italiane specializzate nel settore delle grandi opere di ingegneria e, in particolare, nel campo delle opere idrauliche ad alto valore ambientale e tecnologico.

Un sistema di dighe mobili. Le barriere che fermano l’acqua all’ingresso di Venezia, quando arriva l’alta marea, sono state piazzate nel punto in cui la laguna e il mare si incontrano: le tre bocche di porto di Lido, Malamocco e Chioggia. Sono costituite da una serie di paratoie mobili affiancate le une alle altre, che funzionano come grandi porte di acciaio. In caso di alta marea, vengono svuotate dall’acqua mediante l’immissione di aria compressa, e si sollevano fino ad emergere con la loro parte superiore, chiudendo le porte della laguna. Quando la marea cala vengono riabbassate e tornano sul fondo.

5 miliardi e mezzo. Il costo dell’intera opera è stato calcolato in 5 miliardi e mezzo. Un importo maggiore di quello inizialmente previsto, ma che ha permesso di impiegare 3.000 persone, di cui un migliaio direttamente occupati nei cantieri.
Sul lievitare dei costi collegato al sistema delle tangenti sta indagando la procura.

da Adico; Associazione Difesa Consumatori

[05/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."