venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

IL MATRIMONIO DA MILLE E UNA NOTTE | Tre giorni di feste per lo sceicco

HomeVenezia cittàIL MATRIMONIO DA MILLE E UNA NOTTE | Tre giorni di feste per lo sceicco

VENEZIA | Quale luogo migliore per celebrare un matrimonio da mille e una notte, se non la città  dell'amore per antonomasia? Quale miglior scenario fiabesco se non quello di Venezia, ancora una volta, per il terzo matrimonio dello sceicco Walid J. Juffali e la sua Lulu, giovane e bellissima ragazza dai capelli biondi e dagli occhi chiari.
Lo hanno chiamato un matrimonio in rivisitazione floreal-veneziana, così come la sposa avrebbe trasformato l'ex chiesa della Misericordia, dove si sono celebrate ieri le nozze. E all'amore si sa, non si può dire di no.
Nemmeno quando lei vuole un baldacchino bianco sostenuto dabricole bianche e rosse per fare il suo ingresso trionfale, o pretende che i masegni dell'ex chiesa siano ricoperti da tappeti di vera erba con finte statue greche. Nemmeno quando, per coronare il suo sogno d'amore, ordina migliaia di rose rosse, ciclamini giganti e alberi dai fiori rosa e viola trasformando l'ex chiesa in una serra.
E come ciliegina, che la vera da pozzo emanasse luce viola, il loro colore, con cui la sera prima, per la loro festa, Palazzo Pisani Moretta era interamente illuminato da una moltitudine di fari di quella tonalità .

La scelta della Serenissima come location per festeggiare gli eventi non è però una novità  per lo sceicco, che anni fa per il compleanno dell'altra moglie, la top model americana Christina Estrada, aveva scelto proprio Venezia, per tre giorni di festa senza badare a spese. Tanto per ricordare alcuni particolari, basta pensare che in quell'occaisone Juffali aveva voluto una mongolfiera, per un giretto turistico dall'alto, e chi ha cantato “Happy Birthday” era il cantante Zucchero.

E se quello era “solo” un compleanno, provate a immaginare cosa può esser stato imbastito per il terzo matrimonio dello sceicco, che ha finito di celebrarsi ieri alla Misericordia, ancora una volta, senza badare a spese nel lusso più sfrenato.

Tanto per cominciare, l'acquisto di un costosissimo appartamento in stile barocco nel palazzo Contarin Fasan, che si trova accanto a Palazzo Ferro Fini, davanti alla Basilica della Salute. Anche in questa occasione si è festeggiato per tre giorni: il primo nella nuova “casetta” dello sceicco, il secondo giorno a palazzo Pisani Moretta con tanto di grandioso buffet seguito da numeri da circo, acrobati, ballerini, giocolieri e balli fino all'alba. E da questa festa i novelli sposi avrebbero fatto ritorno alle 5 del mattino per poi consegnarsi alle mani esperte dei massaggiatori, parrucchieri e truccatori per arrivare splendidi e sorridenti alla vera festa del loro matrimonio, ancora più strepitosa delle precedenti, cioè ieri nell'ex chiesa della Misericordia, in cui sono arrivati ospiti da tutta l'Europa e dal Medio Oriente.

Si parla di 320 invitati, arrivati con voli privati. Uno, in particolare, da 80 persone, è arrivato all'aeroporto Marco Polo da Jedda. Nessuna volgarità  o eccentricità  però, gli ospiti sono arrivati in taxi acqueo in completo da sera in stile occidentale.

Si narra di un budget di circa 5 milioni di euro. Una cifra impensabile, inimaginabile. Eppure c'è chi se la può permettere, soprattutto se proviene dalla famiglia che ha reso tecnologicamente avanzata l'Arabia Saudita, come quella di Juffali.

Fiori rosa ovunque. Tra le spese per la “scenografia” già  di per sè speciale di venezia, ma non ancora sufficiente ai desideri dello sceicco, si è provveduto ad “abbellire” l'ingresso dell'ex chiesa della Misericordia con del legno e bianco polistirolo lungo la riva, due enormi vere da pozzo (con lumini e lanterne) ai lati del portale che era stato coperto da tendaggi e da paline a metà  via fra la tradizione veneziana e quella araba.
Il tutto a cura dall'atelier di Antonia Sautter, esperta nell'organizzazione di feste esclusive.

Il menù, a cura del ristorante “Da Vittorio” di Bergamo, prevedeva tre portate a base di pesce, senza escludere la carne, presente a volontà , a cominciare dal foie gras.

Sergio Dal Bon
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[05/11/2012]


titolo: IL MATRIMONIO DA MILLE E UNA NOTTE | Tre giorni di feste per lo sceicco
foto: TAXI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia: arriveranno un nuovo Ferry boat e due battelli ibridi

La Giunta Comunale, riunitasi oggi, ha approvato la convenzione tra il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ed il Comune di Venezia avente ad oggetto la “Regolamentazione dei rapporti relativi al finanziamento per incentivare la salvaguardia ambientale e la prevenzione...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...