19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Il crollo del Milan, i quattro gol del Parma e i fischi dei tifosi: squadra allo sbando

HomeCalcioIl crollo del Milan, i quattro gol del Parma e i fischi dei tifosi: squadra allo sbando

galliani incredulo

Ad Antonio Cassano i fischi sarebbero serviti da stimolo, invece quelli riservati ieri a Mario Balotelli dai tifosi del Milan hanno fatto guasti irrecuperabili. In un gesto di stizza Mario addirittura batte loro le mani, ponendosi in diretta contestazione alla contestazione.

La domenica di quei due finisce con Cassano euforico che fa un altro passettino verso il Mondiale di Prandelli e con SuperMario che incontra una delegazione di tifosi del Milan a testa china promettendo massimo impegno. La scena più triste di un pomeriggio triste.

La contestazione, iniziata già prima della partita, trova subito un buon motivo per alimentarsi, quando al 5’ Abbiati provoca il rigore segnato da Cassano e viene espulso dando il ‘la’ alla quarta sconfitta consecutiva, la settima in 12 partite dell’era di Clarence Seedorf.

Il Milan poi prenderà altri quattro gol, come a Madrid, e precipita a 40 punti dalla Juve. Ora Seedorf avrà difficoltà a dichiarare di non avere nessuna responsabilità: ripropone Mexès, tiene dentro a lungo Emanuelson, fa giocare Kakà stanchissimo e non sa gestire il pareggio faticosamente raggiunto con un rigore molto, ma molto generosamente concesso.

Il Parma, una delle squadre più in forma del momento, con un allenatore, Donadoni, finalmente di moda (16 risultati utili consecutivi), Cassano che gioca «falso 9» e la forza nelle fasce, era una concorrente diretta per un posto in Europa League, l’obiettivo stabilito in settimana da Galliani. Ora si trova a 11 punti e il Milan sembra un gelato sciolto.

La partita: dopo 5’ Cassano lancia splendidamente Schelotto, che lascia sul posto Emanuelson e con la difesa tutta mal schierata, Abbiati non sa far altro che abbattere l’italo-argentino. Rigore, espulsione, piani tattici stravolti: con un uomo in meno e il pubblico che ti fischia, si fa dura. Così in avvio di ripresa arriva naturalmente il raddoppio: discesa di Acquah, passaggio all’indietro per Cassano che non sbaglia.

Seedorf toglie Emanuelson, lascia Mexès ammonito e a rischio espulsione, mette Rami che, di testa, ricambia con un bel gol. È un guizzo vitale, che si alimenta dall’ingresso di Pazzini. L’illusione arriva quando Montolivo si procura un rigore che Balo trasforma, ma si spegne dopo tre minuti, perché il Milan, stremato fisicamente, non riesce a raffreddare la gara e gestire il pari, ma si fa infilare subito. Amauri trova un gran gol di tacco, servito dal solito Schelotto. È il colpo del k.o.: il quarto gol di Biabiany a tempo scaduto è solo l’ultima umiliazione.

Redazione

[16/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.