31.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Il Comune di Venezia presenta al Senato l’emendamento ”Salva Venezia”

HomeMestre e terrafermaIl Comune di Venezia presenta al Senato l'emendamento ''Salva Venezia''

comune di venezia ca farsetti

Dopo il ‘’Salva Roma’’ presentato anche il ‘’Salva Venezia’’, l’emendamento atto a garantire ai dipendenti ed assessori comunali della città storica, stipendi interi e non dimezzati, a causa dei tagli imposti per lo sforamento del Patto di Stabilità.

Prima di poter tirare un sospiro di sollievo però, tali modifiche dovranno essere approvate nei prossimi giorni, essendo il decreto nel quale è inserito, all’esame dell’aula del Senato martedì 18 febbraio. Il decreto potrà anche decadere se non sarà convertito in legge entro il 28 febbraio e dopo il Senato, voterà anche la Camera.

Firmato dai senatori e parlamentari Pd, Casson, Santini, Broglia e Verducci, l’emendamento riguarda l’attenuazione delle penalizzazioni sul personale dell’amministrazione comunale dopo lo sforamento del suddetto Patto 2013. Ciò che chiedono in poche parole, è che non si applichi la sanzione prevista dai Comuni che non riescono a raggiungere la stabilità interna nel bilancio programmatico.

Ca’ Farsetti per ora ha garantito ai suoi dipendenti retribuzioni integrali (febbraio e marzo), ma se non verrà approvato il ‘’Salva Venezia’’, le 3 mila persone impiegate nell’amministrazione, subiranno dei pesanti tagli di stipendio.

Alice Bianco
[13/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.