1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Il caso Eduard Einstein, il ritratto inedito di Albert Einstein e del figlio

HomeLibri, recensioni e nuove usciteIl caso Eduard Einstein, il ritratto inedito di Albert Einstein e del figlio
la notizia dopo la pubblicità

E perché mai la verità su Albert Einstein dovrebbe essere più importante di quella di chiunque altro?

Tutti conosciamo il genio senza tempo di Albert Einstein, tutti siamo rimasti almeno una volta affascinati da quel genio capace a 70anni di fare ancora le linguacce ad un fotografo. Ma pochi, o quasi nessuno, conoscono l’uomo e soprattutto il padre di un figlio rinchiuso in una clinica psichiatrica dall’età di 20 anni, Eduard.

Il caso Eduard Einstein, scritto da Laurent Seksik e edito in Italia da Frassinelli (traduzione di Francesco Bruno), ci parla proprio di questo rapporto, burrascoso e complicato tra i due. Un rapporto che si alimenta nella lontananza del padre dal figlio e viceversa, nelle contraddizioni che vogliono Albert padre, ma allo stesso tempo genio, un uomo che comprende tutto dell’universo macro, ma che si perde davanti all’infinito microcosmo di Eduard per il quale “Il nome Einstein è un peso enorme per un comune mortale”.

Ma la forza del libro di Seksik è quella di non fermarsi solo a due voci, ma di espandere la propria commovente storia ad un trittico composto da Albert, Eduard (l’unico che si rivolge al lettore in prima persona) e Mileva, l’ex moglie, la madre amorevole che non hai mai smesso di stare accanto al figlio bisognoso.

Tre voci, tre menti differenti, una linea sottile che separa il confine tra follia e normalità. “Sono pienamente consapevole che la gente mi prende per matto – si confida Eduard – mentre io non lo sono. Chi possiede la verità sul mio caso: la gente o io?”

Perché Eduard ha dei momenti di lucidità che permettono al lettore di entrare nei suoi sentimenti, di superare quella barriera di rabbia e ‘pazzia’ con il quale lo etichettano. Perché se la follia geniale del padre era accettata, quella del figlio, invece, deve essere frenata, rinchiusa, bloccata perché nociva in una società all’alba della Seconda Guerra Mondiale.

Il ritratto dei tre personaggi che ci regala Seksik è commosso e commovente, riuscendo a scavare in tutte le complesse e molteplici sfaccettature dei suoi protagonisti, in particolare di Albert Einstein. Se Eduard, infatti, è il vero protagonista egli è però un personaggio che nel nostro immaginario costruiamo da zero, Albert, invece, è una figura conosciuta, verso la quale abbiamo già delle idee e qui l’autore ci offre qualcosa che non avevamo ancora letto: l’intimità dei sentimenti del grande scienziato.

Sono le sue insicurezze, i suoi continui sbagli come padre e la goffaggine nel cercare di riparare ai danni fatti, che ci offrono un personaggio tutto nuovo, lontano dall’apparente gioia di quella famosa foto con la lingua di fuori. E se Albert si interroga sull’universo, Eduard si interroga continuamente sul suo microcosmo, si pone domande a cui non sa dare risposte, sa che i suoi sogni di diventare medico non potranno divenire realtà, ma lui prova a farsi accettare, prova a ricreare un suo universo, dove tutto va bene, dove lui viene considerato normale.

Costruzione e deflagrazione di universi, creazione di nuove leggi che regolano la Terra e lo spazio da una parte, ideazione di mondi piccoli nei quali poter sopravvivere dall’altra.

Un padre, una madre e un figlio, un filo unico, ma sottile, che li lega, all’interno di un labirinto che è la vita e i percorsi del cervello. Tra muri invalicabili che si costruiscono e altri abbattuti con la forza dell’amore e della volontà, distanze e riavvicinamenti, universi in continua espansione che si ristringono, drammi, debolezze, ma anche coraggio, questo è Il caso Eduard Einstein: un romanzo doloroso, che lascia l’amaro in bocca, ma che ci tratteggia una nuova immagine umana di uno dei più grandi scienziati della storia.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Il caso eduard einstein laurent seksik

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...