martedì 25 Gennaio 2022
7.8 C
Venezia

IL CAMPANILE DI SAN MARCO TORNA LIBERO DAI CANTIERI

HomeVenezia cittàIL CAMPANILE DI SAN MARCO TORNA LIBERO DAI CANTIERI

NOTIZIE VENEZIA | El “paron de casa” torna libero di sfoggiare tutta la sua bellezza. Dopo 5 anni di lavori di consolidamento il campanile di piazza San Marco è stato liberato dal cantiere che lo circondava ed è nuovamente ammirabile anche dalla piazza in tutta la sua ampiezza.
«Siamo intervenuti – ha spiegato lo stesso progettista Giorgio Macchi – con una tecnica innovativa, applicando al basamento della struttura una cornice di barre in titanio, disposte su due livelli: una posta a 3,20 metri di profondità , consolidata con dei blocchi di granito, e un'altra quasi in superficie».
I lavori hanno consentito anche importanti scoperte archeologiche: sono riemerse le fondamenta dell'antico ospizio Orseolo, abbattuto nel '600 e le sponde del rio Batario, il corso d'acqua, poi interrato, che attraversava piazza San Marco.

Ieri la cerimonia di rimozione delle reti che delimitavano il cantiere a cui hanno presenziato, con Giorgio Orsoni, nella doppia veste di Primo procuratore di San Marco e di sindaco di Venezia, tra gli altri, il presidente del Magistrato alle Acque, Ciriaco D'Alessio, la Soprintendente per i Beni Architettonici di Venezia, Renata Codello, il Proto di San Marco, Ettore Vio, il dirigente della Soprintendenza per i Beni archeologici del Veneto, Alessandro Asta, il progettista dei lavori, Giorgio Macchi.

«Per me – ha sottolineato Orsoni – è una giornata doppiamente felice: come sindaco di Venezia e come Primo Procuratore di San Marco. Faccio i complimenti a tutti coloro che hanno eseguito questo intervento, brillantemente risolto dal punto di vista tecnico con metodi innovativi, ma che ha dovuto superare anche indubbi problemi legati al luogo particolare in cui è stato eseguito. Il Campanile viene restituito alla città , più forte che mai, proprio 60 anni dopo che lo Stato lo ha ceduto alla Procuratoria di San Marco, e 101 anni dalla sua inaugurazione»

Il campanile è dunque di nuovo “Com'era, dov'era”, ma ora anche con, al suo interno, le tecnologie più innovative per evitare quello che era accaduto il 14 luglio 1902: quel giorno infatti, proprio mentre erano in corso i restauri del “el paron de casa”, esso era completamente crollato davanti agli occhi, attoniti, di tanti veneziani. Tornato a far bella mostra di sé, in piazza San Marco, il 25 aprile 1912, il campanile, già  un quarto di secolo dopo, nel 1937, presentava le prime fessurazioni, dovute alla pesantezza del manufatto rispetto alle caratteristiche del terreno. Fessurazioni che, nel corso degli anni, si sono via via allargate, e che avrebbero potuto provocare, tra circa cinquant'anni, un nuovo crollo. Da qui la decisione di affidare allo studio dell'ingegner Macchi un progetto di consolidamento.

Raffaele Rosa
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[23/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !